Politica

"Giovani per le Istituzioni - Giovani. Bene in Comune": punti di Programma

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Uno dei punti di programma presentati dalla lista “Giovani per le Istituzioni – Giovani. Bene in Comune” verte sul ruolo del patrimonio storico culturale della città di Pisa e dei Comuni d’Italia per il rilancio dei territori e del Paese sotto molteplici profili: cultura, turismo, green economy, sviluppo, occupazione. Vogliamo che l’Italia chieda in sede europea che le risorse pubbliche e private investite nella salvaguardia del proprio patrimonio storico artistico che siano finalizzati alla trasmissione, e dunque a consentire la possibilità di futura fruizione da parte delle generazioni che verranno, siano contabilizzati non solo nel saldo entrate-uscite correnti dello Stato ma anche, opportunamente moltiplicate per coefficienti frutto di studio da parte di commissioni specifiche, incluse anche nel PIL dello stesso. Così potremo aprire ad un bilancio della produzione di valore nazionale, con tutte le cautele del caso, comprensivo dei valori immateriali ed a contemporaneo beneficio del rapporto deficit/PIL e dunque del livello di indebitamento italiano: intendiamo dunque proporre al Governo e sostenere tramite l’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) il varo di “Culture Bond” ossia emissioni obbligazionarie in titoli di stato finalizzate a costituire un apposito fondo destinato a finanziare precisi progetti di recupero e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale locale e nazionale da inventariare all’uopo. Nell’ambito del fondo costituito con le emissioni dei “Culture Bond” vogliamo un piano nazionale per il recupero e la messa in esercizio di strutture e opere pubbliche già presenti nella storia di molte città ed oggi non più attive tra cui i tram storici. In tal modo vorremmo finanziare la nuova implementazione dello storico “trammino”, su base pluriennale, al fine di diffondere il flusso turistico, oggi concentrato in Piazza del Duomo, da e per l’intera città beneficio di musei e imprese del settore turistico e non solo ma anche per collegare la città in modo intermodale e sostenibile con Marina di Pisa e Tirrenia, Calambrone, Livorno, la tenuta di San Rossore. Tale tracciato potrà poi essere integrato con i comuni limitrofi con servizi navetta dedicati ai pendolari aventi medesimo scartamento.

Dott. Guidi Emanuele
Promotore della lista “Giovani per le Istituzioni – Giovani. Bene in Comune”, già candidato alla Camera dei Deputati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Giovani per le Istituzioni - Giovani. Bene in Comune": punti di Programma

PisaToday è in caricamento