Giù le mani dal Parco, no a speculazioni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Per il Sindaco Conti il Parco di Migliarino,San Rossore e Massaciuccoli è un corpo estraneo, un vincolo che impedisce lo sviluppo del territorio. Lo ha espresso con chiarezza, svelando la solita insofferenza della destra per la tutela dell'ambiente e la tentazione di aprire le porte di un gioiello naturalistico e paesaggistico del nostro territorio agli appetiti della speculazione immobiliare e al consumo del suolo. Insomma, ci vogliono riportare a 50 anni fa! Ecco, il nostro modello di sviluppo è totalmente opposto, è sostenibile, e sa valorizzare anche economicamente le perle naturalistiche di Pisa e della Toscana, puntando su un'economia diversificata e sul turismo sostenibile.

Chi continua a non capire che dobbiamo cambiare visione se in futuro vogliamo avere ancora un Pianeta è un pericolo pubblico. Per questo penso che la tutela e la valorizzazione del territorio e lo sviluppo sostenibile debbano essere tra i pilastri del nostro progetto di Toscana per i prossimi 5 anni. Il mio impegno per la prossima legislatura è per un rilancio del Parco, rinnovando la programmazione e potenziando la gestione e fornendo risorse definite su obiettivi concreti che coinvolgano Comuni, aziende e associazioni ambientaliste. Chiudo dicendo al Sindaco Conti di non trovare scuse: ci sono moltissime zone lasciate all'incuria e all'assenza di progetti a causa dell'immobilismo della sua Giunta, inizi da per dare risposte e respiro al tessuto imprenditoriale e lasci stare il Parco. Cito un caso emblematico: la Stazione Marconi di Coltano e due anni persi colpevolmente.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento