Pontedera: il vicesindaco risponde al consigliere Puccinelli

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Leggo con stupore le dichiarazioni rilasciate alla stampa dal consigliere comunale Alessandro Puccinelli. Puccinelli rimprovera al sindaco di Pontedera, con un linguaggio anche aggressivo, l’appoggio del Pd al Governo Monti, facendo quindi finta di non vedere tutto il dibattito politico oggi in corso nel Paese. Innanzitutto è evidente a tutti che la situazione del Paese, ad un passo dal tracollo economico, ha imposto a tutte le forze politiche responsabili di sostenere il Governo dei tecnici.

L’alternativa era l’ingovernabilità e forse il tracollo economico del Paese. Il Puccinelli se fosse stato in Parlamento avrebbe fatto una scelta diversa? Il Governo, proprio perché tecnico, ha dovuto misurare le proprie azioni con le forze parlamentari che lo sostengono. E non tutte le forze che sono in Parlamento hanno a cuore le sorti degli enti locali. Qualcuna di queste forze non si pone proprio il problema. Mentre il Pd ha più volte posto il proprio peso a favore delle autonomie locali e tra le forze politiche è quella che più si è impegnata in tal senso.

Questo non significa che come amministratori pubblici non abbiamo più volte posto, con forza, anche nelle sedi di partito, questa questione, anzi. Ma è strano che Puccinelli confonda i piani. Il sindaco di Pontedera è oggi il rappresentante della nostra comunità e non un esponente di partito. Il fatto che da sindaco si esponga così con forza, criticando palesemente l’azione del Governo, dovrebbe essere per lui la palese dimostrazione della lealtà e della motivazione del sindaco Millozzi, a cui sta a cuore innanzitutto la sua città. E questo dovrebbe essere motivo di approvazione e non di critica, da parte del consigliere comunale Puccinelli.

 

Vicesindaco di Pontedera, Massimiliano Sonetti

Torna su
PisaToday è in caricamento