Politica

Il Partito Socialista di San Giuliano Terme contrario all'aumento dell'addizionale irpef

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Le linee del bilancio preventivo 2012 del Comune di San Giuliano Terme sono state presentate dal Sindaco e dall'assessore al Bilancio alla stampa locale che ne ha dato ampio risalto. Il Partito Socialista Italiano, che sostiene l'attuale maggioranza a Palazzo Nicolini, esprime una condivisione piena sulla volontà espressa sul taglio delle spese, da rivedere e calibrare comunque, in ogni singola voce di bilancio, nessuna esclusa, salvaguardando unicamente le voci afferenti il sociale e cioè, gli aiuti ai bisognosi, la sanità e l'istruzione, e relativi servizi.

Quello che ci preoccupa in questo quadro di condizioni drammatiche è quel “ ma non basta” riferito ai tagli delle spese. La posizione dei socialisti termali è ben salda : riformare lo scheletro del bilancio con riforme strutturali che ci permettano di guardare al futuro con la consapevolezza di aver agito sì, con enormi sacrifici, ma nell'ottica di una gestione futura raccordata alle esigenze della popolazione. Siamo per la convergenza delle problematiche viste nella logica di area pisana dei sei comuni (si legga attuazione del Piano Strategico dell’Area Pisana), che altro non è, che una vera e propria economia di scala. Troppi sono gli anni spesi a parlarne e poco il cammino percorso.

Sei comuni tutti uniti dal medesimo tipo di governo di centro-sinistra, con i sei Sindaci espressione dello stesso Partito, con alleati i soliti partiti che magari mancano in uno ma sono presenti nell'altro governo locale. Da questo tipo di unione politica deve poter uscire l'unione delle società di servizi, oggi sovradimensionate per ogni singolo comune e dispendiose. La razionalizzazione dei trasporti scolastici, delle mense, delle farmacie comunali, per dirne alcuni, delle figure professionali che per un solo ente risultano antieconomiche, della gestione delle spese dei materiali di consumo e quant'altro devono essere obbiettivi concreti da raggiungere. Operazioni straordinarie di vendite degli immobili devono essere perseguite al solo fine di abbattere il debito per l'estinzione dei mutui i cui interessi tanto peso hanno sulla testa dei nostri concittadini. La realizzazione di questi punti deve marcare un avanzamento reale e non più teorico. Non è pensabile poter raggiungere il pareggio di bilancio con aumenti sui servizi comunali e con nuove tasse, senza prima aver ottemperato al raggiungimento di queste manovre che producono risparmi e non necessitano di investimenti.

Tiziano Taccola, coordinatore del Partito Socialista Italiano di San Giuliano Terme

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Partito Socialista di San Giuliano Terme contrario all'aumento dell'addizionale irpef

PisaToday è in caricamento