"Incertezza totale a dieci giorni dall'inizio della scuola, altro che rientro in sicurezza"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Sulla scuola si sta giocando una partita importante, per certi versi sciagurata: la centralità delle esigenze di milioni di persone – tra alunni e studenti e studentesse, docenti e personale ATA (innanzitutto i collaboratori scolastici), di personale educativo e addetti alle mense scolastiche – viene utilizzata da mesi per grandi manovre di propaganda, da parte dell’esecutivo nazionale come delle destre, senza escludere le amministrazioni locali e regionali. 

Il ritornello ripetuto fino all’ossessione, che certamente si rientrerà a scuola in sicurezza il 14 settembre, elude alcuni nodi fondamentali che continuano ad essere evocati, ma non evidenziano tutte le criticità, i ritardi, le mancanze e le difficoltà che le scuole stanno attraversando in questi giorni. Le uniche questioni che sembrano coagulare il dibattito è quella della consegna dei banchi singoli e delle mascherine: il problema fondamentale, da cui nasceranno le maggiori difficoltà per la gestione del rientro a scuola, è quello del recupero di spazi per superare le cosiddette “classi pollaio”, affrontato con la mera ricerca di locali in prestito (come successo a Pisa, con l’Università), ma senza avviare un piano di recupero e riqualificazione di edifici dismessi da parte di enti locali e Regione, plessi e scuole abbandonate dopo i tagli degli ultimi anni, e soprattutto senza una prospettiva di investimenti strategici nell’edilizia scolastica e nell’assunzione di personale docente e non docente in numero adeguato asoddisfare il bisogno di classi con un numero inferiore di alunne e alunni e conseguentemente di un numero di aule maggiore dell’attuale.

Questi problemi annosi si sono aggravati con l’emergenza Covid, drammaticamente messi a nudo dalla necessità delle misure precauzionaliper il contenimento del contagio (distanziamento, igienizzazione delle mani e sanificazione degli ambienti, utilizzo delle mascherine): le già difficili e precarie condizioni delle scuole sono state acutizzate dalle esigenze di distanziamento, che ha evidenziato la ristrettezza delle aule in rapporto al numero di alunni, così come è emerso il problema dei trasporti, perché non sono stati predisposti mezzi sufficienti a trasportare tutti gli studenti mantenendo il distanziamento previsto. 

A fronte di queste priorità Comuni, Provincia e Regione, sia di destra che di centrosinistra, hanno clamorosamente eluso le proprie responsabilità: da una parte i ritardi di un’amministrazione come quella di Conti della Lega che non dà risposte alle necessità di recuperare ristrutturare e ampliare locali per le scuole primarie, dall’altra la proposta di Rossi di mettere un medico a disposizione in ogni scuola è una operazione che sembra andare incontro alle richieste di famiglie, docenti e non docenti, ma ha il sapore della propaganda: anziché un medico a contratto, precario o richiamato dalla pensione, la cui presenza nelle scuole non cambierebbe nulla delle procedure necessarie n caso di sintomi da sindrome influenzale, occorre invece potenziare la medicina territoriale e di base, con assunzioni di medici, infermieri e operatori sanitari che coprano le esigenze di prevenzione e controllo, dedicando una parte consistente proprio al monitoraggio e al supporto alle scuole, luoghi tra i più esposti al rischio di diffusione del contagio. 

Vi sono inoltre alcune figure essenziali per il funzionamento delle scuole, che non sono tutelate: pensiamo alle addette alle mense scolastiche e alle educatrici che svolgono un lavoro fondamentale ma, essendo dipendenti di cooperative o aziende esterne, in caso di chiusura (parziale o totale) rischiano di essere completamente dimenticate e abbandonate, senza più retribuzione. Anche in questo caso, gli enti locali e la Regione hanno la responsabilità di individuare forme di sostegno economico e di protezione sociale per queste lavoratrici più esposte all’incertezza.

Infine, la necessità di assumere personale - questione già denunciata da settimane dalle organizzazioni sindacali: la Ministra ha continuato a dichiarare che sarebbero stati assunti docenti e ATA in numero sufficiente acompensare le nuove esigenze emerse, ma è ormai chiaro che quanto messo in campo dal MIUR è assolutamente  carente per consentire alle scuole di affrontare la riapertura adeguatamente. Si continuerà a far ricorso al personale precario in funzione supplente, ma con la sciagurata possibilità che possa essere licenziato nel caso malaugurato che si debba richiudere le scuole: questo è un punto insostenibile e insopportabile che il governo PD-M5S ha regalato al mondo della scuola.

Torna su
PisaToday è in caricamento