Toscana Civica, Comuni uniti o fusi? Ne discutono sindaci e amministratori

Appuntamento sabato 6 febbraio a Guardistallo

Nuova tappa nei territori per Toscana Civica, la federazione di Liste civiche che da mesi ormai anima la vita politica regionale. Prossimo appuntamento annunciato sabato 6 febbraio a Guardistallo (Teatro Marchionneschi, ore 16). All’ordine del giorno il futuro della nostra regione nel dibattito sempre più pressante tra fusioni o unioni di Comuni. Titolo dell’incontro è 'Dove sta andando la Toscana oggi? Verso una risposta civica' e ne discuteranno amministratori pubblici, sindaci e animatori politici.

"Rispetto al tema delle fusioni forzate dei nostri Comuni vogliamo abbiamo idee alternative - spiega Paolo Moschi, assessore del Comune di Volterra - vogliamo formulare una proposta credibile, che nasce dall’esperienza di amministratori in condizioni difficili, e che aiuti i territori senza però mortificarli".

A Guardistallo si sono date appuntamento molte liste civiche del pisano e del livornese e non solo: sono previsti, tra gli altri gli interventi del sindaco di Guardistallo, Sandro Ceccarelli, Casale Marittimo, Fabrizio Burchianti, Castelnuovo Val di Cecina, Alberto Ferrini, di Volterra, Marco Buselli, di Casole d’Elsa, Piero Pii. Sarà presente anche il consigliere comunale di Prato ed ex sindaco Roberto Cenni.

"Siamo convinti - conclude Moschi - che il futuro della Toscana passerà dai Comuni. Tutto sta a capire come saranno configurati questi ultimi e se le scelte saranno fatte tutti insieme oppure contro i cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Un'offesa senza precedenti": è polemica sul video del trapper Bello Figo girato all'Università

  • Meteo, quando arriva la neve in pianura

  • Neve e ghiaccio in Toscana: allerta meteo

  • "Elicotteri da guerra nella fabbrica di Ospedaletto": Rebeldia contro Leonardo Spa

  • Donna vuole buttarsi dal viadotto a Porta a Mare: salvata

  • Donna scomparsa a Volterra: trovata morta in fondo alle Balze

Torna su
PisaToday è in caricamento