rotate-mobile
Politica

Ucic lancia un incontro sulla parità di genere e attacca il Comune: "Posizione ideologica e retrograda della destra"

Una città in comune promuove l'appuntamento del 19 novembre al circolo Arci Alberone e critica la Giunta sulla non adesione all'accordo provinciale per i progetti nelle scuole

Si svolgerà sabato 19 novembre alle ore 18 al Circolo Arci Alberone, in via Sant''Agostino a Pisa un incontro cittadino promosso da Una città in comune sul tema dell'educazione contro le discriminazioni di genere nelle scuole, dal titolo: 'A Scuola Senza Paura: il Comune boccia i progetti di promozione della cultura di genere - la città boccia il Comune'. Parteciperà Andrea Maccarrone, della Rete Nazionale Educare alle Differenze e interverranno rappresentanti dell'Osservatorio Scolastico Permanente, Educare alle differenze Pisa, Non Una di Meno. L'appuntamento è aperto a insegnanti, studenti, esperti, attivisti, cittadini, dirigenti scolastici.

"Si tratta di un momento di confronto importante e urgente vista la decisione della maggioranza che sostiene il sindaco Conti di impedire che si parli di educazione contro le discriminazioni di genere nelle scuole - scrive la lista - la motivazione è stata esplicitata dal consigliere di Fratelli d’Italia, Francesco Niccolai, in consiglio comunale: 'noi siamo e saremo sempre contrari a questo genere di iniziative' e 'l'educazione spetta alle famiglie per Costituzione' (e non alla scuola). E' una posizione ideologica e retrograda della destra e di questa Giunta, perché non volere l'educazione contro le discriminazioni di genere a scuola significa ostacolare la necessaria crescita culturale nella comunità educante, nelle famiglie e nelle giovani generazioni assolutamente necessaria, come affermano i dati sul bullismo, sugli atti di violenza, sulle discriminazioni di genere che si vedono nella società e nel mondo del lavoro".

"Siamo di fronte ad un attacco alla scuola pubblica e laica - insiste Una città in comune - perché la Costituzione assegna alla Repubblica il compito di rimuovere gli ostacoli sociali che limitano libertà e uguaglianza dei cittadini e impediscono il pieno sviluppo della persona umana, e la legge sulla riforma della scuola fa proprio questo principio assegnando alla scuola il compito di educare contro ogni tipo di discriminazione e per promuovere il rispetto delle differenze, promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l'educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni. Ma l'amministrazione di Pisa è stata sorda agli appelli di 400 docenti, di genitori, di associazioni, di semplici cittadini, avendo come unici referenti i 'Family day' che paventano una inesistente 'teoria gender', e così impedisce che  possano svolgersi corsi nelle scuole pisane contro la violenza di genere e la decostruzione degli stereotipi non sottoscrivendo il protocollo provinciale necessario per partecipare al bando regionale che stanziava le risorse. Noi pensiamo a un'altra città, a un altro modo di essere a scuola e essere comunità educante, genitori, studenti e insegnanti. Per questo vogliamo parlare di educazione contro le discriminazioni e per l'uguaglianza di genere a scuola e in città".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucic lancia un incontro sulla parità di genere e attacca il Comune: "Posizione ideologica e retrograda della destra"

PisaToday è in caricamento