menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovi consiglieri della Giunta: "Il sindaco sospenda la nomina di Bottai"

I consiglieri Pd Basta e Picchi hanno presentato una interpellanza urgente al sindaco

Interpellanza urgente al sindaco di Pisa Michele Conti sulla nomina di Stefano Bottai a svolgere le funzioni di consigliere delegato 'alle infrastrutture delle acque interne: dalla Darsena ai Navicelli, alla navigabilità dell’Arno'. E' l'iniziativa in Consiglio Comunale promossa dai consiglieri Pd Olivia Picchi e Vladimiro Basta, a seguito di quanto spiegato dallo stesso primo cittadino sui nuovi 'appoggi esterni' alla Giunta. Scelta criticata anche da Diritti in Comune.

Per i membri Pd si tratta di una "scelta sconcertante che di fatto esautora la giunta comunale. Ma se Ziello è personaggio politico ed il fatto che sia lui a prendere le scelte per Conti è noto a tutti, la nomina di Bottai invece ci preoccupa e ci spinge a porre alcune domande. Intanto non sono cariche previste da nessuno statuto, non conosciamo come questa decisione sia maturata, ma soprattutto come si concilia e con quali poteri di fatto (reali non può averne) il rapporto con i singoli assessori. A cosa serve allora una giunta?"

Parlando di "potenziali conflitti di interesse" i due consiglieri circa il ruolo di Bottai. "Sono note - scrivono in una nota - le vicende intorno alla Sviluppo Navicelli di cui Bottai è stato protagonista. In conseguenza di ciò, vorremmo sapere se si è verificata l'esistenza o l'insorgenza di conflitti d'interesse tra i poteri e le funzioni pubbliche che, il consigliere delegato 'alle infrastrutture delle acque interne: dalla Darsena ai Navicelli, alla navigabilità dell’Arno' deve esercitare e la tutela dei propri, sia pur legittimi, interessi personali, passati e attuali". Poi: "Bottai ricopre il ruolo di vicepresidente di Toscana Aeroporti. Numerosi possono essere i contrastanti interessi legittimi fra Comune e Toscana Aeroporti. Del resto le vicende amministrative del recente passato lo dimostrano si veda la vicenda dei bus o della sosta lunga al parcheggio del Pisamover che hanno prodotto ben 9 sentenze del Tar tutte favorevoli all'amministrazione comunale, e ancora, la variante urbanistica relativa alla cittadella aeroportuale o il contrasto sul Pef".

C'è anche l'appena approvato Piano Strutturale Intercomunale Pisa-Cascina, "approvato in fretta e furia ed in completa solitudine dalla maggioranza. Vorremmo sapere quali obiettivi, riconducibili alle previsioni urbanistiche, anche se soltanto riguardanti 'alle infrastrutture delle acque interne: dalla Darsena ai Navicelli, alla navigabilità dell’Arno' faranno parte dell'attività del consigliere delegato".

"L’interpellanza da noi presentata - concludono Picchi e Basta - ha il solo obiettivo di fare luce su una vicenda che, a oggi, presenta molti lati oscuri, con conseguente necessità di chiarimenti. Per queste ragioni chiediamo al sindaco di riferire urgentemente in Commissione Consiliare e in Consiglio Comunale, in modo che siano approfondite le problematiche da noi poste. Per queste ragioni chiediamo che non si proceda alla nomina o, se fatta, se ne sospenda l'efficacia, fino a quando il Consiglio Comunale non sia messo in condizione di esercitare, legittimamente, la sua funzione primaria d’indirizzo e di controllo su materie complesse e delicate come quelle che scaturiscono da questo tipo di decisione e dalle preoccupazioni da noi avanzate".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ricette locali, la trippa alla pisana

social

Piatti regionali, l'acquacotta toscana: la ricetta

Arredare

Palestra in casa, come allestirla: attrezzi e accessori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento