Politica

Pontedera, Simone Millozzi: “La notte bianca della cultura per valorizzare Pontedera”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

"PerPontedera! Con Simone"

La lista arancione "Per Pontedera con Simone" interviene sul tema della cultura a Pontedera, dando atto del grande lavoro fatto in questi anni e aggiungendo attraverso due suoi esponenti candidati alcune idee per migliorare la città.

Maria Cioppi, volto noto della cultura pontederese, cantante lirica e docente di canto, interpretazione e arte scenica, è una dei 16 candidati della lista arancione PerPontedera! a sostegno di Simone Millozzi: "Pontedera è una importante realtà culturale, nella quale il Teatro Era sempre più deve divenire punto d'incontro, luogo di scambio di opinioni e progetti. La scuola e i suoi studenti, ad esempio, devono essere non solo fruitori del Teatro ma anche veri e propri promotori di spettacoli, attraverso percorsi multidisciplinari finalizzati all'allestimento di vere e proprie rappresentazioni, stimolandone la creatività attraverso concorsi per le migliori scene, i migliori costumi., ecc.. dedicando spazi a danza, teatro, lettura, pittura, musica, scultura, body painting, cinema. Alcuni luoghi, come Villa Crastan, potrebbero in futuro ospitare mostre di abiti di scena, concerti, mostre, installazioni e magari anche cene degustazioni a tema operistico e culturale"

Eugenio Leone, ingegnere candidato della lista arancione "PerPontedera con Simone" da anni impegnato in associazioni socio-culturali: "Penso che per promuovere meglio gli eventi un utile strumento possa essere la condivisione di un cartellone di eventi comune che possa rappresentare Pontedera e coinvolgere tutte le associazioni culturali della città: teatro, musica, le arti figurative, letteratura, fumetto, etc. Una serie di eventi che coinvolgano durante tutto l'anno il centro e le frazioni utilizzando anche spazi nuovi. Un cartellone che vede il suo apice in un evento finale, la Notte Bianca della Cultura, che trasformi Pontedera in un grande palcoscenico di cultura diffusa, una vera e propria maratona della cultura. Il cartellone unico servirebbe da un lato a valorizzare le grandi eccellenze culturali ed artistiche presenti in città e dall'altro attirare a Pontedera visitatori alimentando il commercio. Avere un cartellone unico permette inoltre di promuovere meglio i singoli eventi proposti, sottolineando il lavoro di tutti coloro che in città si impegnano per promuovere la cultura"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontedera, Simone Millozzi: “La notte bianca della cultura per valorizzare Pontedera”

PisaToday è in caricamento