"Ho una famiglia normale, non ho gay": la Lega scarica il candidato sindaco Brini

L'annuncio del Carroccio dopo le affermazioni di sabato: "Non possiamo volgere lo sguardo dall'altra parte"

La Lega ritira l'appoggio a Giuseppe Brini, il candidato sindaco del centrodestra che durante la presentazione della propria candidatura a primo cittadino di Pontedera ha affermato: "Io ho quattro nipoti, ho una famiglia normale, non c'ho gay, non c'ho nulla...". Un'uscita sicuramente poco felice della quale Brini ha subito tentato di scusarsi, senza tuttavia riuscire a placare le polemiche.

La novità è di questa mattina, 5 marzo, ed è stata resa nota con un nota inviata dal carroccio ai mezzi stampa: "La persona di Brini non è in discussione - spiegano il segretario provinciale, Gabriele Gabriellini, e il deputato pisano Edoardo Ziello - perché la sua preparazione tecnica ed amministrativa è nota. Ma dopo le dichiarazioni che abbiamo sentito nel corso della conferenza stampa, non possiamo volgere lo sguardo dall'altra parte. E dal momento che la Lega, a differenza di altri partiti, ha il coraggio e la forza per prendere decisioni importanti e complesse, noi, per una questione di rispetto verso tutti, riteniamo che non ci siano più le condizioni per continuare con questo percorso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento