Politica

Leggi sociosanitarie, Ferrucci e Capuzzi (Pd): “Una svolta importante, regolamentata l’integrazione per un servizio sempre più efficace”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

 “Fare rete per garantire un servizio sempre più efficace: siamo convinti che grazie alle leggi regionali recentemente approvate relative all’integrazione sociosanitaria saremo in grado di raggiungere questo obiettivo”. Lo sostengono Ivan Ferrucci, capogruppo Pd Regione Toscana e Sandra Capuzzi, assessore al Sociale del Comune di Pisa, riguardo alle due leggi approvate nella scorsa seduta del Consiglio regionale, che prevedono la nascita di un nuovo sistema d’integrazione socio-sanitaria, con una governance articolata su più livelli.

“Sono convinto che questi due provvedimenti possano diventare seriamente dei punti di riferimento per ridiscutere le funzioni di Regione, Stato ed enti locali su tematiche fondamentali come appunto la gestione dei servizi sociosanitari, che potrà finalmente essere coordinata a livello di zona-distretto  – spiega Ivan Ferrucci – Grazie ad essi inoltre si fa finalmente chiarezza sullo strumento della Società della salute che, laddove ha rappresentato un’esperienza positiva, viene utilizzato per gestire i servizi. Resta centrale il ruolo degli enti locali che hanno il polso dei reali bisogni del territorio. Le normative infine valorizzano il ruolo dell’associazionismo e delle tante realtà attive in Toscana in questo ambito, un vero patrimonio che denota la ricchezza del tessuto sociale del nostro territorio”.

“Questi provvedimenti sono frutto di un percorso di partecipazione che ha coinvolto il terzo settore e le istituzioni. – fa presente Sandra Capuzzi - Noi abbiamo sempre creduto che la Società della salute fosse lo strumento idoneo per rendere concreto il concetto di sociosanitario applicato al territorio. Siamo soddisfatti di questo risultato che conferma che avevamo visto giusto. Adesso possiamo pensare anche a guardare oltre per renderlo ancora più efficace e utile”

Ricordiamo che le due leggi regionali “Modifiche della disciplina del servizio sanitario regionale” e “Modifica del sistema integrato di interventi” prevedono una gestione associata del settore sociale a livello di zona-distretto, in due modi: attraverso la Società della salute (Sds), dove sia stato deciso di non scioglierla o attraverso una convezione zonale. Inoltre viene regolamentata la partecipazione degli utenti, del volontariato e del terzo settore, per creare un sistema omogeneo in tutta la Toscana.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leggi sociosanitarie, Ferrucci e Capuzzi (Pd): “Una svolta importante, regolamentata l’integrazione per un servizio sempre più efficace”

PisaToday è in caricamento