Politica

Manovra Monti, abolizione giunte provinciali: scettico Andrea Pieroni

"Si cancella la politica, si lascia la burocrazia": questo il commento di Andrea Pieroni, presidente della Provincia di Pisa e di Upi Toscana dopo l'annuncio della manovra che colpirà gli enti provinciali

“Si cancella la politica, si lascia la burocrazia”. E' questo il primo commento di Andrea Pieroni, presidente della Provincia di Pisa e di Upi Toscana, all'indomani della manovra del governo che apre la strada all’abolizione delle giunte provinciali.

“In una situazione economica del Paese in cui siamo tutti chiamati a sostenere dei sacrifici - premette Pieroni - le Province non si tirano indietro nel dare il proprio apporto al risanamento delle finanze pubbliche, ma nutrono profondi dubbi sulla scelta del governo di non mettere in cantiere un lavoro riformatore degli assetti istituzionali e di scegliere di colpire esclusivamente le Province”.

“Non comprendo la decisione di lasciare le strutture burocratiche - aggiunge il presidente di Upi Toscana - e di rimuovere la guida politica: è un'abolizione di fatto delle Province che contiene margini di incostituzionalità e produrrebbe appena 150 milioni di euro di risparmi. Senza una riforma istituzionale complessiva, dunque, i vantaggi per i cittadini saranno irrisori. Restano gli apparati, ma sparisce la rappresentanza democratica: è questo il risultato che si voleva ottenere?”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manovra Monti, abolizione giunte provinciali: scettico Andrea Pieroni

PisaToday è in caricamento