Moschea: "Il ricorso contro la sentenza del Tar è uno spreco di denaro pubblico"

Opposizioni all'attacco con i capogruppo di Pd, M5S e Patto Civico: "I cittadini pisani devono contribuire con le loro tasse alla campagna elettorale della Lega?"

Le opposizioni in consiglio comunale vanno all'attacco dell'amministrazione sulla decisione di ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar che, lo scorso giugno, ha annullato l’atto di adozione della variante stadio e "ha riconosciuto - scrivono in una nota i capogruppo di Pd, M5S e Patto Civico, Matteo Trapani, Gabriele Amore e Antonio Veronese - che gli atti adottati dal Comune di Pisa contro la moschea a Porta a Lucca violano il diritto alla libertà di culto della comunità musulmana, tutelato dalla Costituzione".

"Il comune di Pisa - proseguono i tre - ha deciso di spendere altri 5.000 euro dei contribuenti con l'obiettivo di impedire la costruzione di un luogo di culto per la comunità islamica in città. Sarà l'avvocato Righi, su incarico dell'amministrazione, a presentare ricorso al Consiglio di Stato. Il Sindaco Conti aveva dichiarato di essere disponibile a risolvere la questione con il dialogo. Lo spreco di soldi pubblici per questa battaglia (il)legale fa parte del piano?"

Secondo le opposizioni "ci sono poi molte incertezze su tutti i procedimenti connessi. Chiederemo all’avvocatura una relazione dalla quale emergano le ragioni che hanno indotto l’amministrazione a presentare ricorso (nell’atto non sono esplicitate motivazioni), tenuto conto che la sentenza ha inciso solo sull’area moschea e non sul resto. Chiederemo di acquisire eventuali pareri dell’avvocato Righi sulla convenienza o meno di presentare ricorso, che acquisiremo una volta presentato, e della stessa avvocatura civica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La verità - concludono Trapani, Amore e Veronese - è che da mesi chiediamo di affrontare la questione in consiglio, che non viene calendarizzata perché la Giunta sfugge a qualsiasi discussione sull'argomento, forse troppo spinoso. Siamo convinti che solo con il dialogo si può risolvere subito la questione ed evitare anche inutili danni o rallentamenti alle procedure che insistono sulla zona. Le cittadine e i cittadini pisani devono contribuire con le loro tasse alla campagna elettorale della Lega? Anche questo ricorso fa parte della campagna no moschea e no Islam, per raccogliere qualche voto e compiacere i vertici di partito, per nulla interessati a Pisa, ma solo alle proprie carriere politiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento