menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio regionale: approvata all'unanimità la mozione sull'azione legale per i ritardi nei vaccini

Il documento era stato proposto dal presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo

E' stata approvata all'unanimità dal Consiglio regionale la mozione sui vaccini anti-Covid promossa dal presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo, in seguito ai ritardi che si sono verificati nella fornitura al nostro Paese da parte dell'azienda Pfizer.
"Nel documento - spiega Mazzeo - si invita la Giunta regionale a fare due cose: da un lato continuare a monitorare l’organizzazione inerente alla fornitura delle dosi di vaccino per le cittadine e i cittadini toscani, dall'altro a valutare la concreta possibilità di intraprendere un'azione legale nei confronti di Pfizer-BioNTech, condivisa assieme alle altre Regioni e al Governo, qualora si verificassero ritardi nelle forniture delle dosi di vaccino previste dagli accordi stipulati in sede comunitaria".
"I vaccini  - conclude il presidente Mazzeo - saranno fondamentali per sconfiggere la pandemia, devono essere un diritto di ogni essere umano e come Istituzione abbiamo il dovere di vigilare e eventualmente intervenire se questo diritto viene leso".

Vaccini: arriva la fornitura da Pfizer

"Adesso la Regione Toscana ha il dovere di intraprendere un'azione legale contro la ditta farmaceutica responsabile dei ritardi nella consegna dei vaccini. A causa di questi ritardi, e della riduzione delle forniture, la campagna vaccinale ha subito un forte rallentamento, e di questo l'azienda deve rispondere, per il danno arrecato non solo al nostro sistema sanitario, ma anche all'economia toscana" interviene sull'approvazione della mozione il capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella.
"Purtroppo - sottolinea Stella - almeno un terzo delle dosi di vaccino previste non è arrivato agli hub farmaceutici della Toscana. Noi ci auguriamo che in brevissimo tempo l'azienda fornitrice possa recuperare il gap e consegnare tutte le dosi concordate, ma nel frattempo queste inadempienze hanno causato enormi problemi al Sistema Sanitario della Toscana. La casa farmaceutica responsabile, oltretutto, ha violato un accordo commerciale, e mi auguro che la Regione Toscana intraprenda subito un'azione legale per vedere rispettati i suoi diritti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento