Martedì, 21 Settembre 2021
Politica

Bassilichi, il Consiglio Regionale dice no alla chiusura: "Donne e part time da tutelare"

Approvata all’unanimità una mozione proposta da Andrea Pieroni e Alessandra Nardini (Pd) che impegna la Giunta toscana a un coinvolgimento forte nella vertenza aziendale. Prevista infatti la chiusura della sede pisana di Montacchiello

“Attivare un tavolo di confronto, convocare i vertici della Bassilichi e le organizzazioni sindacali della provincia di Pisa per discutere del nuovo piano industriale 2015-2018 presentato recentemente dalla società. Verificare se l’ipotizzata dismissione della sede di Montacchiello sia funzionale ad un successivo processo di esternalizzazione dell’attività e se la 'stimolata migrazione' dei dipendenti verso poli ritenuti 'più strategici' avvenga nel rispetto di preventivi accordi sindacali e delle 'esigenze individuali' dei lavoratori, al di là degli 'incentivi e benefit' prospettati.”.

Sono questi alcuni dei contenuti della mozione approvata ieri sera all’unanimità in Consiglio Regionale su proposta dei consiglieri regionali del Pd Andrea Pieroni e Alessandra Nardini.

Nel testo del documento si legge che la Giunta Regionale sarà impegnata a “mettere in atto tutte le possibili azioni mirate sia ad evitare la chiusura delle sede di Montacchiello, sia a garantire i livelli occupazionali di un’azienda sana e fra le più avanzate a livello regionale, scongiurando le negative ricadute sociali in particolare sui lavoratori più 'fragili', quali donne e part-time, ed al contempo l’impoverimento del tessuto economico non solo pisano ma dell’intera area costiera toscana”. Inoltre bisognerà avviare presto “un lavoro di concerto con i vertici aziendali e le organizzazioni sindacali per confrontarsi sul piano industriale e provare a scongiurare la chiusura della sede di Montacchiello”.

"A distanza di quattro anni dall’insediamento di Bassilichi a Montacchiello - ha detto Pieroni  presentando la mozione in Aula - i dati dell’alta tecnologia pisana continuano ad essere significativi ed in crescita. Non si capisce, quindi, perché la società voglia trasferire a Firenze il personale di Pisa, costituito in larga parte da donne e part-time. Tutto ciò contraddice sia gli accordi sindacali siglati l’anno scorso per il mantenimento dei livelli occupazionali, sia la convenzione in essere con l’università pisana. Ora - ha concluso Pieroni - siamo di fronte a un piano industriale che ci preoccupa per la sua genericità e crediamo che la giunta regionale debba intervenire al più presto per cercare ogni possibile soluzione al rischio della chiusura e dei trasferimenti del personale che, di fatto, significherebbero per molti lavoratori, principalmente le donne, la perdita dell’occupazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bassilichi, il Consiglio Regionale dice no alla chiusura: "Donne e part time da tutelare"

PisaToday è in caricamento