Politica

Nardini (Pd): "Sto con i sindaci disobbedienti, non mi sorprende che il finto moderato Conti stia con la destra peggiore"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

"Io sono per il rispetto delle leggi sempre, ma comprendo che nella storia possano esistere delle collisioni tra ciò che è legale e ciò che è etico e che questo possa quindi talvolta giustificare atti di disobbedienza civile. Ciò che distingue la disobbedienza dalla semplice violazione della norma è che chi disobbedisce lo dichiara preventivamente, esponendosi in prima persona pur di urlare al mondo la ferita che tali norme infliggono alla dignità delle persone. I sindaci che stanno contestando il Decreto Salvini non sono certo estremisti o facinorosi: sono Amministratori, che hanno ben presente la ricchezza e le grandi difficoltà legate all'integrazione e all'accoglienza. Hanno denunciato ben prima dell'approvazione gli aspetti disumani del Decreto, così come le difficoltà di applicazione dello stesso e l'aggravamento dei problemi di integrazione e di ordine pubblico che comporta. Non sono stati ascoltati, il Ministro delle Ruspe li ha bollati come "buonisti" ed è andato avanti. Adesso questi Primi Cittadini, che sanno quanto il Decreto sia pericoloso per gli interessi delle comunità che rappresentano, cosa dovrebbero fare? Tacere e sacrificare il bene delle loro città alla propaganda di Salvini? Dovrebbero silenziare la propria coscienza di fronte a norme che passano sopra vite umane, persecuzioni, donne e bambini, in barba ai propri valori e alla Costituzione? In questo senso bene che la Regione Toscana abbia deciso di ricorrere alla Corte Costituzionale. In tal senso bene che la Regione Toscana, insieme a molti Comuni, si stia attivando per presentare ricorso sulla costituzionalità del Decreto. La verità è che la Lega del Cinismo sa benissimo che questa legge aumenterà le criticità, ma le tensioni sociali sono la ragione stessa per cui esiste politicamente, per questo lavora scientificamente per aumentarle. Non mi sorprende che, per l'ennesima volta, il finto moderato Sindaco Conti abbia scelto di stare con la destra peggiore. Io non posso che stare al fianco di questi Sindaci e dei diritti umani, in direzione ostinata e contraria rispetto a chi fa riferimento ai valori cristiani solo quando gli fa comodo, come Salvini che invitava i sindaci leghisti a non celebrare unioni civili, ordine subito eseguito dalla soldatessa Ceccardi. Il libero amore tra adulti consenzienti è dunque qualcosa di meno etico rispetto al salvare vite umane? La macchia della vergogna si sta diffondendo sull'Italia, ed è di colore verde Lega".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nardini (Pd): "Sto con i sindaci disobbedienti, non mi sorprende che il finto moderato Conti stia con la destra peggiore"

PisaToday è in caricamento