Politica

Nuovi criteri case popolari, il consigliere regionale Gian Luca Lazzeri (Più Toscana): “Soddisfazione per l’annuncio della Saccardi"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

«Soddisfazione per l’annuncio della Vicepresidente della Regione Toscana Stefania Saccardi in merito alla modifica dei criteri di assegnazione degli alloggi Erp: ora è urgente una verifica sulla situazione reddituale degli assegnatari toscani. Dove le condizioni economiche hanno fatto venire meno i requisiti dell’assegnazione sia applicato un canone di locazione a prezzo di mercato. Il ricavato potrebbe essere impiegato per interventi negli alloggi di edilizia popolare in attesa di manutenzione che ad esempio, nel Comune di Pisa sono 128». Lo dichiara il consigliere regionale di Più Toscana, membro della IV commissione Sanità, Gian Luca Lazzeri che commenta favorevolmente l’annuncio di revisione del sistema di assegnazione degli alloggi popolari: modifica canone di affitto minimo, assegnazione regolata da Isee e non più dal reddito imponibile, punteggi più alti per affetti da handicap e per chi vive da almeno 5 anni in Toscana.

«La direzione segnata dalla Vicepresidente Saccardi trova il mio appoggio senza se e senza ma. Ma è bene prendere anche in considerazione la proposta di applicare un affitto a prezzi di mercato per quegli alloggi dove siano venuti meno i requisiti di reddito per l’assegnazione e rendere più incisivi i controlli. L’attuale applicazione del cosiddetto “canone sanzionatorio” per situazioni analoghe infatti a Pisa riguarda 4 casi. I proventi di questa manovra dovranno poi essere impiegati per investire nel patrimonio Erp di ogni Comune, a Pisa gli alloggi Erp sono 6.252 con numerosi casi di superamento del limite reddituale o irregolare utilizzo dell’alloggio (70 casi).

Sempre nel pisano le domande ammesse per l’assegnazione nel 2013 sono state 3.330 a fronte di 169 alloggi assegnati nello stesso anno. L’iniziativa potrebbe costituire un importante volano per l’economia dei territori comunali oltre a raggiunge l’obbiettivo di ammodernare il loro patrimonio immobiliare: a Pisa infatti il 78 % dei fabbricati Erp è antecedente al 1979.

La revisione dei criteri di assegnazione è stata al centro dell’azione del nostro gruppo fin dal 2010 quando presentammo una proposta di legge per fissare a 7 anni di residenza il termine necessario per accedere alle graduatorie nei Comuni ai quali si riferisce il bando per l’assegnazione di alloggi popolari. La nostra proposta però dopo 3 anni passati nei cassetti della Regione venne bocciata. L’idea era quella di premiare coloro che da tempo risiedono nella nostra regione tendendo ad evitare che il sostegno premiasse chi va in giro sistematicamente a caccia di prebende pubbliche. Un’azione in sostegno di chi ha scelto di stare in Toscana decidendo di partecipare alla crescita, col proprio lavoro, della nostra regione. Per queste persone, in caso di difficoltà, è giusto intervenire in aiuto.

Il percorso iniziato dalla Vicepresidente Saccardi dunque rappresenta una svolta importante di cui la Toscana aveva bisogno, il nostro sarà un sostegno assicurato».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi criteri case popolari, il consigliere regionale Gian Luca Lazzeri (Più Toscana): “Soddisfazione per l’annuncio della Saccardi"

PisaToday è in caricamento