rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Occupazioni, Diritti in Comune: "Gli studenti vanno sostenuti e ascoltati, non repressi"

Il gruppo in Consiglio Comunale di Una città in Comune, Rifondazione Comunista e Pisa Possibile appoggia le rivendicazioni della protesta

La mobilitazione studentesca, che al netto dei recenti tentativi di occupazione con danni richiede da tempo spazi idonei per lo studio e la vita scolastica, trova il supporto del gruppo consiliare pisano Diritti in Comune. "Nell'ultimo anno e mezzo - scrive in una nota - gli atavici problemi di carenze delle strutture (sia di competenza della Provincia, le superiori, che del Comune, le medie e le primarie) si sono abbattuti su studenti e insegnanti: le regole di distanziamento hanno aggravato tali problemi e le promesse da parte dei governi succedutisi (Conte 2 e Draghi), come quelle del Presidente Angori e del Sindaco Conti, sono rimaste lettera morta. Non ci sono state assunzioni, né investimenti nell'edilizia scolastica, le classi pollaio sono rimaste tali, il trasporto pubblico continua ad essere inadeguato, le scuole hanno riaperto come se nulla fosse, ma i problemi sono esplosi definitivamente".

"Di fronte a questa inerzia e alle responsabilità della politica, gli studenti hanno proseguito la loro mobilitazione - ripercorre il gruppo - con l’occupazione del 'Dini' (in cui sono confluiti i diritti negati al riconoscimento dell'identità di genere), la manifestazione del 'Buonarroti', i tentativi di occupazione al 'Carducci', al 'Galilei' e al 'Pacinotti': il nervosismo delle forze dell'ordine in città si è subito palesato dalla protesta degli studenti e delle studentesse del 'Dini', ma è rimasto nei limiti di un controllo della situazione. E' con i tentativi di occupazioni successive che si è palesato il gravissimo slittamento verso un clima repressivo, peraltro delegato ad un'agenzia privata di sicurezza, le Guardie di Città, chiamate a svolgere illegittimamente un’azione, peraltro inaccettabile, di ordine pubblico. Già pensare di intervenire di forza in una occupazione studentesca è un'idea malsana, che non farà altro che inasprire gli animi ed esasperare le tensioni, ma addirittura affidare a privati un intervento così invasivo in uno spazio pubblico e sensibile come delle scuole significa aver perduto il senso dell'equilibrio e della corretta capacità di mediazione. L'intervento della Dirigente del Liceo Classico col supporto delle guardie private è un segnale di irresponsabilità da condannare: che sia stata possibile una tale azione evidenzia inoltre una gestione dell'ordine pubblico che sta perdendo le coordinate della misura".

"In questo frangente anche le istituzioni e le forze politiche hanno il dovere di stigmatizzare scelte sbagliate che alimentano la tensione in città - conclude la lista che unisce Una città in Comune, Rifondazione Comunista e Pisa Possibile - auspichiamo che si ripristini un clima di ascolto delle istanze e delle rivendicazioni più che legittime e giuste degli studenti e studentesse delle scuole superiori, fermando sul nascere ogni forma di pulsione repressiva che porterebbe al disastro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazioni, Diritti in Comune: "Gli studenti vanno sostenuti e ascoltati, non repressi"

PisaToday è in caricamento