Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Consiglio Comunale: le opposizioni unite contro la proposta di prima variazione al bilancio

La Giunta ha annunciato di voler procedere al provvedimento entro il mese di maggio, ma le opposizioni unite respingono tale possibilità: "Mai avuta la documentazione. Organi consiliari commissariati"

Difficile che accada, eppure questa volta è successo. Tutte le forze di opposizione alla maggioranza in Consiglio Comunale si sono riunite in un documento congiunto per manifestare contro l'intenzione della Giunta di procedere alla prima variazione del bilancio entro la fine del mese di maggio. Schierate insieme abbiamo quindi Forza Italia-Pdl, Movimento 5 Stelle, Noi Adesso Pisa, Nuovo Centro Destra e Una Città in Comune-Prc.

Scrivono i gruppi di minoranza che "sull'approvazione della prima variazione di bilancio la giunta Filippeschi e la sua maggioranza stanno provando a fare una forzatura senza precedenti, non rispettando le opposizioni, non dando loro alcuna possibilità di esercitare le proprie funzioni e cancellando qualsiasi spazio di confronto". "Mercoledì scorso – spiegano – l'assessore Serfogli ha annunciato l'intenzione della Giunta di chiedere l'approvazione entro il mese di maggio. Una proposta non ricevibile visto che ad oggi, nonostante i nostri ripetuti solleciti e anche gli impegni assunti dallo stesso assessore, non ci è stata consegnata alcuna documentazione".

"A ciò si aggiunge – prosegue la nota – che la giunta solo nella seduta del 20 maggio dovrebbe licenziare una proposta da sottoporre alla commissione, avendo l'arroganza poi di arrivare all'approvazione in consiglio entro il 29 maggio. La prossima settimana inoltre le attività consiliari saranno ridotte visto che si svolgerà l'ultima settimana di campagna elettorale per le elezioni europee, tanto che tutte le forze politiche hanno concordato di non svolgere il previsto consiglio comunale del 22 maggio".

Sulla base di questo quadro i partiti di minoranza insistono sul fatto che "non vi sono i tempi per discussione su una materia così complessa, tanto più che andranno riformulati tutti i regolamenti concernenti le imposte sulla base delle novità introdotte con la legge di stabilità. Di fatto le più elementari garanzie democratiche non sono rispettate, non consentendo alle opposizioni di avere le informazioni necessarie per valutare le proposte della Giunta e nel caso di formularne altre".

"Siamo di fronte – concludono – ad un commissariamento degli organismi consiliari. Per questo chiediamo al presidente del Consiglio di essere reale garante del ruolo del Consiglio Comunale, e invitiamo la maggioranza a non proseguire su questa strada, ridefinendo insieme i tempi dell'approvazione della variazione di bilancio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio Comunale: le opposizioni unite contro la proposta di prima variazione al bilancio

PisaToday è in caricamento