Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica Centro Storico / Via Enzo Zerboglio

Palestra comunale persa dalla Pisana Volley, Sanzo: "Le regole vanno rispettate, verrà riassegnata"

Alla denuncia di Fi-Pdl per la decadenza dell'assegnazione della struttura alla Pisana Volley, in danno degli iscritti, risponde l'assessore allo sport Salvatore Sanzo: "E' una strumentalizzazione politica, rispetto l'opinione ma non la condivido"

80 bambini e 15 anziani senza palestra per colpa di una leggerezza, quella di non aver iscritto la società richiedente al Coni prima del bando di assegnazione della struttura. La vicenda della Pisana Volley denunciata dal gruppo consiliare Fi-Pdl ha chiamato in causa il garante comunale dello sport a Pisa, l'assessore Sanzo, fra l'altro anche presidente del Coni per la Regione Toscana. Il componente della Giunta si è detto sorpreso di questo attacco, che secondo lui "strumentalizza a livello politico una situazione amministrativa purtroppo chiara".

Come detto, al momento della richiesta per l'assegnazione dello spazio pubblico, alla società Pisana Volley mancava il requisito dell'iscrizione al Coni, stabilito come essenziale dal Regolamento per l'uso delle Palestre Scolastiche. "Come dice sempre anche Forza Italia, le regole vanno rispettate. In questo caso c'è stata una mancanza amministrativa e non si è potuto fare altro che procedere come è successo".

Ma perché l'obbligo dell'iscrizione al Coni se si fa semplice attività sportiva ricreativa? "Lo prevedono tutti i regolamenti comunali, tutte le associazioni sportive si iscrivono, è una garanzia: si appare così come soggetti riconosciuti, si rispettano dei requisiti di qualità, ci sono certificati medici richiesti. E poi il Coni è la casa dello sport, è la federazione di tutti. Per iscriversi ci vuole un attimo, tanto che la stessa società lo ha fatto subito appena notificato il problema. Purtroppo lo ha fatto in modo tardivo. Perché non lo ha fatto subito? Mi sembra sia stata una leggerezza. Come Amministrazione dobbiamo far rispettare le regole, anche se a volte dispiace".

Nella denuncia di Fi-Pdl si legge anche di un invito giunto alle associazioni della società di individuare un rappresentante diverso da quello attuale della Pisana Volley, che fino ad ora aveva gestito i rapporti col Comune. "Credo ci sia stata - spiega Sanzo - una incomprensione. Nessuno si sogna di dire ad una società da chi farsi rappresentare; semplicemente la comunicazione del Comune intendeva che per la palestra di via Zerboglio, essendo venuta meno la gestione per la decadenza, veniva meno anche il referente legato alla palestra. Tutto qui".

La palestra comunale, attualmente inutilizzata, verrà riassegnata ad un altro richiedente. "La pratica è già avviata presso l'ufficio - conclude l'assessore - l'interesse è quello di riempirla subito con nuove attività, destinandola nuovamente allo sport. La Pisana Volley potrà partecipare nuovamente al bando l'anno prossimo. Non c'è stato niente di personale o macchinoso in tutta questa vicenda, solo le regole ed il loro rispetto alla luce del sole".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palestra comunale persa dalla Pisana Volley, Sanzo: "Le regole vanno rispettate, verrà riassegnata"

PisaToday è in caricamento