rotate-mobile
Politica

Partito Democratico: terminato il lavoro di ascolto da parte del Comitato dei saggi coordinato da Ermete Realacci

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Il Comitato composto oltre che da Realacci, da Giuliano Pizzanelli, Giancarlo Lunardi, Silvana Agueci e Michele Ceraolo, si è riunito lunedì sera per tirare le fila di una campagna di ascolto che si è protratta per poco più di un mese, nel corso della quale sono state sentite più di cento di persone, oltre i confini del PD, appartenenti a diversi mondi (professionali, economici, dell’associazionismo, universitari, culturali, etc…). Sono state contattate per ascoltare opinioni, idee, aspettative rispetto alle proposte che il Pd sta elaborando per Pisa. I risultati della consultazione sono stati restituiti al partito come lavoro preliminare alla discussione e alle decisioni che il PD dovrà prendere e portare come contributo al tavolo con le forze della coalizione.

Il primo risultato significativo, così come si rileva dal lavoro dei saggi, è la soddisfazione delle persone per essere state ascoltate per contribuire al percorso ideato dal PD, soddisfazione espressa anche da chi ha sollevato alcune criticità.

Emerge una domanda di novità, indipendentemente dal fatto che sis stato effettivamente riconosciuto quanto di positivo già è stato realizzato fino ad ora con un forte rilancio della città. Un altro tratto che ha accomunato quanto espresso dalle persone incontrate è che ci sia comunque necessità di un’alleanza di centro sinistra vasta, aperta alle esperienze civiche. Il PD metterà a disposizione i contributi elaborati con la campagna di ascolto, i gruppi di lavoro tematici e il lavoro del comitato dei saggi. Le aspettative per il buon governo della città non devono andare deluse.

Alcuni dei tratti che emergono per la definizione del profilo del candidato Sindaco sono la non autoreferenzialità e il saper ascoltare e dialogare con la città, la capacità amministrativa, il saper fare squadra, la conoscenza della città e dei suoi problemi e delle sue potenzialità, la capacità di sviluppare connessioni con il livello regionale e nazionale e di dare a Pisa una nuova visione strategica organica.

Diversi sono i nomi emersi in questi contatti, da massimi rappresentanti del partito a cariche istituzionali nazionali e locali, già emersi nel dibattito cittadino. I nomi verranno valutati, insieme ad altri che il partito vorrà e potrà esprimere, al momento opportuno per un confronto con le forze della coalizione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partito Democratico: terminato il lavoro di ascolto da parte del Comitato dei saggi coordinato da Ermete Realacci

PisaToday è in caricamento