Piano di recupero ex cinema Ariston, l'assessore: "Ottenuti nuovi parcheggi per la ztl"

Dringoli replica alle critiche delle minoranze: "Quali sono le reali necessità della città? Avere una seconda Mattonaia?"

Non ci sta l'assessore all'urbanistica Massimo Dringoli. Sull'approvazione del piano di recupero dell'area dell'ex cinema Ariston il rappresentante replica agli attacchi del gruppo consiliare Diritti in Comune, che aveva parlato delle previsioni volute dall'amministrazione definendole come "tese più ad una speculazione immobiliare che alle reali necessità della città". 

"Ma è mai possibile - afferma Dringoli - che, se in oltre dieci anni nessuno si è fatto vivo per riaprire il cinema né per realizzarci 140 parcheggi privati, stando alle previsioni della variante al regolamento Urbanistico del 2013, siano così diffusi l’ignoranza per le 'reali necessità della città' e il desiderio di garantire esclusivamente la rendita dei proprietari?. Forse rientra tra le 'reali necessità della città' quella di seguitare ad avere un volume abbandonato in pieno centro storico, destinato a divenire emulo della mostruosa 'Mattonaia' a tutti tristemente nota e voluta dalle amministrazioni di sinistra? E come si fa a non riconoscere che essere riusciti a ottenere dai proprietari che, oltre ai parcheggi pertinenziali per i 20 appartamenti previsti vengano realizzati anche 42 parcheggi destinati a residenti della ztl, con conseguente eliminazione di 42 auto dalle strade pubbliche, costituisca invece prova della massima considerazione per le 'reali necessità della città'?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude poi l'assessore: "A ben riflettere, tuttavia, non c’è da stupirsi per questo comportamento delle opposizioni. Che non riguarda solo 'Diritti in comune', visto che in Commissione Consiliare i rappresentanti del Pd hanno fatto il possibile per annullare la Commissione stessa, ricorrendo a pretesti formali rivelatisi infondati, ben sapendo che la mancata riunione avrebbe fatto decadere la possibilità di approvazione del Piano di Recupero. Opposizioni che, fino ad oggi, hanno continuamente dimostrato di sapere svolgere solo una funzione distruttiva di qualsiasi iniziativa, senza la minima considerazione proprio per le proclamate 'reali necessità della città'".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Cisanello, ambulanze in fila per l'area Covid: "In piena fase emergenziale, serve la collaborazione di tutti"

  • Coronavirus in Toscana, nuovo picco: 2.765 positivi, 326 a Pisa

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Coronavirus in Toscana: 1.526 nuovi casi e 11 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento