Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Pierpaolo Magnani è il nuovo presidente della Fondazione Teatro di Pisa: pioggia di critiche dall'opposizione

Sinistra Unita, Partito Democratico, La Città delle persone e Una Città in Comune criticano aspramente la scelta della giunta

Pierpaolo Magnani, ex assessore alla cultura nella consiliatura 2018-2023, è il successore di Patrizia Paoletti Tangheroni alla guida della Fondazione Teatro di Pisa. Così ha deciso la giunta guidata dal sindaco Michele Conti, scatenando una pioggia di critiche da parte delle forze di opposizione in Consiglio comunale.

In un comunicato congiunto Partito Democratico, Sinistra Unita e La Città delle persone commentano: "La nomina dell’ex assessore Magnani alla guida della Fondazione Teatro Verdi è un brutto segnale da parte dell'amministrazione comunale che, come temevamo, ha fondato la propria scelta su criteri di mera compensazione politica e che lascia strascichi e mal di pancia anche all'interno della stessa maggioranza".

"Un modo di operare che si contrappone all'interesse della città e rischierà di impoverire l'offerta culturale cittadina e di minare la fiducia della comunità nelle istituzioni pubbliche" accusano i gruppi di minoranza. "Una scelta fatta per altro proprio a pochi giorni di distanza dall’audizione richiesta dai sindacati e RSU del Teatro, ascoltati in Seconda Commissione di Controllo e Garanzia, in cui sono emerse gravi denunce sulle 'ingerenze della politica' e su una mancanza di ascolto da parte di chi amministra questa città".

PD, SU e La Città delle persone aggiungono: "I sindacati hanno inoltre portato all'attenzione della commissione l’assoluta anomalia della presenza del sindaco in un importante Cda e addirittura della sospensione della seduta per interlocuzioni. Altro tema importante emerso è la gestione del magazzino del Teatro, strumento essenziale per lo svolgimento delle attività, il cui cambio di condizioni della locazione risulterebbe svantaggioso. A riguardo abbiamo inoltrato una richiesta di accesso agli atti, oltre alla richiesta di audizione del Sindaco in Commissione".

"Ci complimentiamo allo stesso tempo con le maestranze - concludono - e con la direzione per gli ottimi risultati conseguiti nella stagione appena trascorsa, grazie all’elevata professionalità espressa che impreziosisce il panorama culturale cittadino".

Una Città in Comune rincara la dose: "Come già avevamo denunciato in tutte queste settimane la nomina di Pierpaolo Magnani alla presidenza del Teatro Verdi da parte del sindaco Conti è semplicemente scandalosa. Sembra quasi che la maggiore istituzione culturale della città venga infatti gestita dal sindaco come pura merce di scambio sulla base dei più bassi accordi elettorali: una 'compensazione' per l'ex assessore alla cultura che aveva sostenuto Conti nell’ultima campagna elettorale con una propria lista senza però neanche entrare in Consiglio comunale".

Ucic aggiunge: "Siamo davanti alla più squallida delle lottizzazioni e a pagarne le conseguenze sarà il Teatro di Pisa, con i suoi lavoratori, le sue lavoratrici e la cittadinanza tutta. In queste settimane ci siamo opposti a questa nomina denunciando la mossa di un primo cittadino che a seguito della sua rielezione sta elargendo le relative compensazioni politiche. Oggi diventa ancor più necessario opporsi a questo sistema di potere e a questo modo di governare la cosa pubblica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pierpaolo Magnani è il nuovo presidente della Fondazione Teatro di Pisa: pioggia di critiche dall'opposizione
PisaToday è in caricamento