rotate-mobile
Politica

Precarietà nella ricerca e nell'università: dibattito proposto da Sinistra Italiana

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday
Sinistra Italiana interviene sui capitoli che la legge di stabilità 2018 dedica al lavoro nel mondo dell'università e della ricerca. Sceglie di farlo relazionandosi con le numerose lotte sociali che affrontano la questione della precarietà : una dimensione che riguarda sia il lavoro che l'esistenza stessa delle persone. Proprio per questo e in relazione alla mobilitazione lanciata dal cartello Precari Uniti Cnr oltre che dalle organizzazioni sindacali e dai movimenti sociali su Pisa, SI offre alla città un dibattito aperto e pubblico, a partire dai contributi di esponenti di rilievo nazionale. Venerdi 17 alle ore 18, nella sala dell'Hotel Victoria in Lungarno Pacinotti, prenderanno parola Claudia Pratelli della segreteria nazionale di SI, Giuseppe Montalbano segretario nazionale dell'Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani, Alessia Petraglia senatrice SI e capogruppo in VII commissione Cultura Istruzione Università. Il dibattito, titolato "Università e ricerca precaria? C'è alternativa!" è così presentato dal segretario della federazione provinciale, Ettore Bucci: "Sinistra italiana mette a disposizione uno spazio di discussione per i cittadini,le forze politiche e sociali. Siamo consapevoli che la presenza a Pisa di tre importanti Atenei (Università, Scuola Normale, Scuola Sant'Anna), di un'area della ricerca CNR tra le più importanti in Italia assieme ad istituti fra i più prestigiosi del Paese, assieme ad una lunga vicenda di mobilitazioni a tutela del ruolo pubblico dei saperi, specie fra 2008 e 2011, offra un contesto unico per un dibattito sulla funzione strategica della conoscenza per il il nostro territorio e per l'Italia. In tale dibattito presenteremo le nostre proposte in Parlamento su tali vertenze: università e ricerca sono fondamentali per il Paese e riteniamo servano più investimenti strutturali, più lavoro stabile e ben pagato. Tuttavia non basta dichiararlo, bisogna dimostrare di disporre di una visione d'insieme, di un progetto di lungo periodo. Abbiamo costruito tale dibattito proprio per incentivare la messa in opera di una idea complessiva". Non è un caso che il lancio di tale iniziativa s'intrecci col calendario di mobilitazioni dei precari del CNR, a Pisa come in tutta Italia. Così conclude Bucci: "Abbiamo incontrato i lavoratori precari e TD che hanno lanciato un'importante mobilitazione nell'Area della ricerca della nostra città. Crediamo che una presa di parola pubblica da parte del nostro partito, in modo organico e davvero concreto, possa valere molto di più di quelle dichiarazioni retoriche di solidarietà che, anche a sinistra,  spesso lasciano il tempo che trovano. Quella mobilitazione parla di un tema che si trascina da anni e su cui è indispensabile assumere un punto di vista, nel segno della stabilità dei contratti e della continuità di reddito".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precarietà nella ricerca e nell'università: dibattito proposto da Sinistra Italiana

PisaToday è in caricamento