Rifiuti, discarica di Peccioli: prosegue lo scontro Pisa-Firenze

In un'intervista rilasciata a FirenzeToday emerge la ferma intenzione del gestore di rifiuti fiorentino di non cedere all'ultimatum dell'assessore Picchi che aveva chiesto l'aumento di due euro per il conferimento rifiuti nella discarica di Peccioli

Interviene Quadrifoglio s.p.a., la società che si occupa della gestione dei rifiuti di Firenze, nella querelle Pisa-Firenze, sullo smaltimento dei rifiuti fiorentini nella discarica di Peccioli. Qualche giorno fa, l'assessore all'ambiente della provincia di Pisa Valter Picchi aveva richiesto due euro in più a tonnellata per  il conferimento nella discarica pecciolese della spazzatura fiorentina in conseguenza alla proroga che ha allungato le scadenze del conferimento dei rifiuti dal 2012 al 2014. 

"Una richiesta scorretta e ipocrita - è il giudizio di Quadrifoglio s.p.a. che aggiunge - se non arrivano più i rifiuti fiorentini e pratesi la discarica di Peccioli chiude".

Nessun cedimento da parte dell’azienda che non vuole firmare nonostante l’ultimatum lanciato dall’assessore Picchi: o la firma della convenzione o la fine dell’utilizzo di Peccioli. 

Vai su FirenzeToday per leggere l'articolo completo in esclusiva

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1.200 nuovi positivi, 236 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento