Riduzione Tari agli esercizi chiusi per il Covid, FdI Pisa: "Siamo soddisfatti"

Il partito plaude all'approvazione in Consiglio Comunale del relativo ordine del giorno

Fratelli d’Italia Pisa è soddisfatta per l'approvazione all'interno della seduta del Consiglio Comunale del 19 maggio dell’ordine del giorno proposto dai propri consiglieri Maurizio Nerini, Giulia Gambini e Francesco Niccolai, relativo alla riduzione della Tari per le attività commerciali che sono state obbligate a restare chiuse a causa dell'epidemia del Covid-19.

"Riteniamo - scrivono in un comunicato - che sia equo e doveroso non porre a carico di tali attività il costo di un servizio che per il periodo di chiusura non è stato reso dal soggetto concessionario che conseguentemente ha avuto minori costi per la mancata raccolta e smaltimento di tali rifiuti. Riteniamo che tale iniziativa sia un segno tangibile di vicinanza e di sostegno alle attività commerciali in un momento di evidente crisi economica e in un quadro di grande incertezza in merito alle prospettive future. Nel medesimo ordine del giorno sono state anche evidenziate le gravi criticità del metodo di calcolo basato sulla storicità che l'Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) ha introdotto dall'ottobre 2019 per il calcolo della Tari: questo metodo applicato in un momento di straordinaria eccezionalità potrebbe rendere ancora più difficile e complicato il metodo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento