Sabato, 12 Giugno 2021
Politica

Riordino Province: un documento unisce maggioranza e minoranza

I politici di maggioranza e minoranza sembrano essere tutti d'accordo per quanto riguarda l'argomento sul riordino delle province. Così i capigruppo della Provincia hanno votato un documento congiunto

"Il processo di riordino delle Province deve avvenire sulla base di criteri oggettivi e funzionali allo svolgimento delle competenze assegnate. La riforma è inadeguata e umiliante" . Parla chiaro il documento unitario sottoscritto dai capigruppo di Pd, Pdl, Sel, Prc, Udc e Luga Nord al consiglio provinciale di Pisa.
 
"Auspichiamo - spiega il presidente della Privincia, Andrea Pieroni - che si apra rapidamente un tavolo di confronto nazionale per scongiurare la concreta possibilità che nel 2013 le Province non abbiano assicurate le risorse necessarie per gestire le funzioni loro conferite, evitare il dissesto economico-finanziario ed il blocco di qualsiasi attività e servizio. ".

"È riduttivo che i criteri adottati non prendano in considerazione la popolazione residente nelle province - sottolinea il documento per quanto riguarda la scelta del capoluogo - la superficie territoriale e le caratterizzazioni storiche, inoltre le funzioni pubbliche più importanti, ivi incluse quelle statali, dovranno essere distribuite in maniera equilibrata onde evitare un pericoloso smantellamento della presenza dello Stato nei territori e una sorta di desertificazione istituzionale".

Il testo contiene anche l'appello a un ripensamento della trasformazione delle Province in enti di secondo livello: "In un regime democratico, il rapporto tra cittadini e amministratori, improntato sul binomio fiducia/responsabilità, non può che essere legittimato e sostanziato dal sistema dell'elezione diretta degli organi di governo".

 
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riordino Province: un documento unisce maggioranza e minoranza

PisaToday è in caricamento