Ripartenza economica e distribuzione delle mascherine: interpellanze al sindaco

I consiglieri comunali Pd Basta e Picchi hanno presentato i due atti ispettivi sulle intenzioni dell'amministrazione

I consiglieri comunali Pd Vladimiro Basta e Olivia Picchi hanno presentato due interpellanze al sindaco di Pisa, Michele Conti, sul tema delle mascherine, che in questi giorni tiene banco anche con toni polemici. La prima interpellanza è relativa alla 'Fase 2?, l'altra è relativa alla distribuzione delle mascherine.

Nella prima interpellanza i due consiglieri comunali chiedono all'amministrazione comunale "quali azioni pensa di implementare per sostenere l’economia locale e la ripartenza della fase 2; quali strumenti in termini di sicurezza pensa di mettere a disposizione delle categorie che dovranno confrontarsi con il distanziamento sociale, ad esempio, alberghi e ristoranti; quante e quali risorse pensa di iniettare nel sistema produttivo per sostenere la ripartenza, e, infine, sulla stregua della task force per la ripresa creata dal Governo, quali intelligenze ed eccellenze pensa l’amministrazione comunale di coinvolgere, ad esempio, Università e Cnr, per definire un piano economico straordinario per la città di Pisa".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella seconda interpellanza sulla distribuzione delle mascherine, sempre i due consiglieri comunali Vladimiro Basta e Olivia Picchi chiedono al Sindaco "quale sia stata la procedura e le motivazioni che hanno portato all'affidamento per la distribuzione delle mascherine alla ditta Ferrari, quale è stato il costo di questo servizio, quali erano gli accordi per la diffusione del servizio e delle tempistiche richieste, se è stata richiesta alla ditta una relazione finale, se sono state definite delle verifiche a campione e, infine, perché questa distribuzione delle mascherine non è stata affidata a quelle associazioni di volontariato che avevano espresso la loro disponibilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Covid, estetisti e parrucchieri restano aperti: "In questi mesi prova di grande affidabilità e serietà"

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento