Giovedì, 16 Settembre 2021
Politica

Corsi di cultura Rom nelle scuole: attivi in 6 istituti comprensivi

E' quanto emerso nella riunione di lunedì della terza Commissione consiliare permanente, nella quale è stata discussa l'interpellanza promossa nei giorni scorsi da Noi Adesso Pisa. I corsi sono una delle voci di un progetto complessivo da 107mila euro

In 6 dei 7 istituti comprensivi presenti a Pisa sono stati attivati laboratori sulla cultura Rom. E' quanto emerso ieri nel corso della riunione della terza Commissione consiliare permanente, nella quale è stata discussa l'interpellanza promossa nei giorni scorsi da Noi Adesso Pisa. Le responsabili della Società della Salute Pellino e Nucci hanno affiancato le due assessori competenti, Chiofalo e Capuzzi, rispondendo alle domande presentate dal gruppo consiliare.

"Siamo venuti a conoscenza - afferma Maurizio Nerini, consigliere di Noi Adesso Pisa - del fatto che esistono corsi approvati degli organi collegiali e inseriti nei Piani di Offerta Formativa di 6 dei 7 istituti comprensivi pisani, dove la presenza dei bambini rom è più alta. I corsi hanno una durata di 6 ore annuali e vengono richiesti degli stessi insegnanti delle classi dove ci sono bambini rom".

Nel corso della riunione è emerso che sarebbero "170 i bambini rom di varie nazionalità presenti nelle 13 classi che hanno fatto richiesta dei corsi. E' stato spiegato - prosegue Nerini - che non si seguono libri di testo, ma si svolgono in attività laboratoriali differenti a seconda dei casi: fiabe per i bambini delle materne, storie di 'viaggi nel tempo' per le elementari e 'vicende storiche' della cultura rom, narrate dagli stessi ragazzi, alle medie".

Tra le richieste del gruppo consiliare anche quella di conoscere il costo di queste iniziative. "Il costo dei corsi - continua Nerini - è solo una delle voci di un progetto che parte da quelli del 2003 di 'Città Sottili', affidato con bando pubblico alla Cooperativa Arnera e Cooperativa il Simbolo per un importo complessivo di 107mila euro".

Progetti finalizzati al supporto alla frequenza scolastica dei bambini rom, con aiuti per le pratiche di iscrizione a scuola e ai vari servizi come quello mensa, quello di pre-scuola e dopo-scuola e il servizio scuolabus dai campi rom. "Si usano infatti 3 pulmini dedicati con 3 accompagnatori - dice il consigliere di Noi Adesso Pisa - uno dei quali volontario e gli altri 2 di etnia rom".

"Molti dei dati forniti - conclude Nerini - hanno bisogno di ulteriori approfondimenti quindi si è reso necessario aggiornare la commissione. Da parte mia ho sottolineato come siano necessari i dati dei monitoraggi sulla frequenza dei 170 bambini rom e il loro rendimento scolastico e ho concluso con questa domanda: a che punto siamo con la cultura italiana nei confronti di questi bambini rom 'italiani'?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsi di cultura Rom nelle scuole: attivi in 6 istituti comprensivi

PisaToday è in caricamento