Politica Centro Storico / Lungarno Gambacorti

Bufera nel Pdl pisano, Silvestri a Parisi: "Chiarisci le tue gravissime imputazioni e dimettiti"

L'ex coordinatrice provinciale del Pdl pisano Silvia Silvestri, appena 'disarcionata' da un commissariamento del partito dopo la bufera interna, scrive una lettera al coordinatore regionale Massimo Parisi chiedendo le sue dimissioni

 L'ex coordinatrice provinciale del Pdl pisano Silvia Silvestri, appena 'disarcionata' da un commissariamento del partito dopo la bufera interna relativa alle candidature per le prossime elezioni amministrative, scrive una lettera al coordinatore regionale Massimo Parisi chiedendo le sue dimissioni.

"Mi auguro che tu possa chiarire le gravissime imputazioni che ti vengono contestate e che nel frattempo creano grande imbarazzo e disagio agli uomini e alle donne del Pdl, per questo dovresti dimetterti. Quando si tiene al partito - scrive Silvestri - se si viene indagati per reati tanto gravi come quelli contro il patrimonio si dovrebbe avere il buon gusto di fare qualche passo indietro in attesa di aver chiarito tutto con la magistratura".

La Silvestri infine, accusa Parisi di adottare nella gestione del partito  dei metodi verticistici, brutali e sconclusionati per i quali oggi il Pdl pisano si trova con un candidato grossetano, alleato con due forze irrilevanti e marginali, certamente non moderate, senza essere riuscito ad aggregare neanche una parvenza di lista civica, incapace di rappresentare un'alternativa seria alla coalizione di centrosinistra.

"Ci penseranno - conclude l'ex coordinatrice - gli elettori del Pdl a portare Filippeschi al ballottaggio quelle centinaia di elettori che avevano capito la strada da noi tracciata e che sapeva di bello e di vittoria. Quegli elettori voteranno Diego Petrucci, l'ex coordinatore cittadino del Pdl ora a capo di una coalizione civica di centrodestra". (Fonte Ana)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bufera nel Pdl pisano, Silvestri a Parisi: "Chiarisci le tue gravissime imputazioni e dimettiti"

PisaToday è in caricamento