Sindacati Ctt Nord: impossibile ignorare la loro audizione

Nota di Riccardo Buscemi, capo gruppo consiliare a Pisa di Forza Italia dopo la relazione dei rappresentanti dei lavoratori nella Seconda Commissione di Controllo e Garanzia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

"Come Amministratori Comunali non possiamo ignorare la situazione critica dello stato di manutenzione dei mezzi CTT NORD raccontata dai Sindacati” afferma il Capo Gruppo di Forza Italia Riccardo Buscemi dopo l’audizione in Seconda Commissione di Controllo di Garanzia dei rappresentanti dei lavoratori. Nelle settimane passate Buscemi aveva chiesto di ascoltare i nuovi vertici di CTT Nord, l’aggiudicatario della gara regionale Autolinee Toscane e anche i sindacati dei lavoratori. Richiesta quest’ultima divenuta più stringente dopo il guasto al volante di un autobus in servizio di linea a Putignano, al punto da far richiedere a tutti i partiti la convocazione di un’apposita riunione della commissione, con l’impegno di ascoltare urgentemente i sindacati. “Che una volta arrivati hanno raccontato” continua Buscemi ” una realtà drammatica: attualmente 13 mezzi fermi per avaria, in passato altri (della stessa tipologia di quello del guasto) che hanno preso fuoco, l’officina di Pisa depotenziata, riparazioni esternalizzate, pezzi di ricambio che arrivano con il contagocce, gomme usurate sui mezzi in circolazione, pochi investimenti, al punto da avere un parco mezzi con età media superiore ai 13 anni.” Un racconto paradossale e allarmante per la Commissione che ha aperto un focus sulla manutenzione dei mezzi come presupposto della sicurezza di autisti e viaggiatori. “Ho anche chiesto” prosegue Buscemi “se i sindacati fossero preoccupati del passaggio al nuovo gestore e la loro risposta è stata che l’avvicendamento è sicuramente un’opportunità, è l’occasione perché cambi finalmente una situazione peggiorata (addirittura degenerata!) da anni, anche dal punto di vista delle relazioni industriali, ormai inesistenti.“ Continua Buscemi: “In Commissione l’azienda ora dovrà dare spiegazioni convincenti al Comune, che è suo socio ma anche suo cliente. Come hanno fatto notare i sindacati, i ricorsi intentati da CTT Nord contro Autolinee Toscane sono costati troppo denaro pubblico”.

Torna su
PisaToday è in caricamento