Politica

Sinistra Italiana Pisa: "Presidio alla Stazione per il sociale e contro il risveglio delle forze neofasciste"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La ripresa dell'attività politica dopo l'estate avviene in un clima avvelenato. Atmosferico e non solo. Il dramma delle morti di Livorno, i danni subiti dalla nostra comunità ci impongono nuovamente una attenzione rinnovata alla manutenzione del territorio, alla necessità di investimenti per garantire la sicurezza dei cittadini e delle attività produttive.

Ma un'altra minaccia si presenta alla ribalta: il ritorno delle forze neofasciste che ormai fanno parte del parterre politico di Pisa, con manifestazioni e prese di posizioni pubbliche e una agenda politica subalterna alla deriva razzista imboccata dal nostro paese. Non ci deve sfuggire la cancellazione dai lavori parlamentari della legge per lo ius soli, una legge moderata, in cantiere dal 1992 e che oggi invece di diventare una bandiera di civiltà viene nascosta e ritirata. 

In questo clima a Pisa Forza Nuova organizza le passeggiate della legalità; vere e proprie ronde sistematiche nelle zone del “degrado” volte a minacciare e intimidire chi presenta anche solo il colore della pelle diverso.

Sosteniamo quindi la proposta del presidente dell'ANPI Bruno Possenti di istituire un osservatorio permanente contro l'intensificarsi di fenomeni di stampo xenofobo, di matrice chiaramente neofascista.

Crediamo tuttavia che queste iniziative debbano accompagnarsi a una inversione di rotta della agenda politica: continuare a premere l'acceleratore sulle paure e sull'idea di una città Pisa in mano alla criminalità non sottrae terreno alle destre, piuttosto le alimenta e legittima. Da mesi chiediamo invece maggiori investimenti nel sociale e nelle politiche abitative per togliere benzina alla deriva razzista. Chiediamo cioè di lavorare sui determinanti del benessere individuale e collettivo: non lasciare sole le periferie geografiche e sociali è la strada da percorrere per sconfiggere il razzismo.

Proponiamo quindi che si organizzi al più presto un presidio in Piazza della stazione per sostenere la cultura della legalità e dell'accoglienza insieme, per difendere le ragioni fondanti della nostra Costituzione repubblicana antifascista. Per chiedere infine con forza che il parlamento discuta la legge sullo ius soli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sinistra Italiana Pisa: "Presidio alla Stazione per il sociale e contro il risveglio delle forze neofasciste"

PisaToday è in caricamento