Politica

Soldi della vendita azioni Sat da parte della Regione, Prc: "Deriva autoritaria"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La deriva autoritaria e presidenzialista di Enrico Rossi, ormai in piena campagna elettorale dopo l’investitura diretta avuta di Renzi, non sembra avere limiti, ma che si arrivasse alla “marchetta” elettorale vera e propria era meno prevedibile.
Oggi, infatti, il Presidente della Regione Rossi nel corso di una conferenza stampa a Pisa per la firma del protocollo d’intesa con il Comune di Pisa e l’Università di Pisa ha dichiarato: “Investiremo i 13 milioni provenienti dalla vendita delle azione Sat in mano alla Regione per Pisa, città dinamica che sa progettare”.
Il Presidente Rossi probabilmente dimentica che quelli sono soldi pubblici non a disposizione della sua giunta ma su cui può deliberare solo il Consiglio Regionale. Ancora una volta, come nel caso della vendita delle azioni di Sat da parte della Regione, dove avvenne un vero e proprio colpo di mano da parte della giunta da lui presieduta con l’esautorazione dell’assemblea elettiva, siamo davanti ad una evidente forzatura che serve al Presidente Rossi per tentare di ricucire con il PD locale e con l'elettorato pisano.
Questa forzatura risulta ancora più grave alla luce delle importanti questioni di cui dovrà discutere il Consiglio Regionale: i tagli sul fronte della sanità, le emergenze sul fronte della sicurezza idrogeologica del territorio, dell’emergenza abitativa e del trasporto pubblico, scompaiono in questo accordo con il sindaco di Pisa Filippeschi. Ricordiamo che l'Amministrazione pisana ha speso diverse decine di migliaia euro per pagare le consulenze ad avvocati esterni per ricorrere proprio contro la decisione della giunta regionale di vendere le azioni di Sat.
La prevaricazione avviene anche nei confronti del Consiglio Comunale di Pisa: vorremmo ricordare al Sindaco Filippeschi e al Presidente Rossi che il progetto della Cittadella aeroportuale, indicata tra i progetti che verrebbero finanziati con queste risorse, non può essere finanziato in quanto non è mai stato approvato dall'assemblea elettiva pisana.
La cultura autoritaria del renzismo, il concepire e piegare la cosa pubblica per sanare e gestire gli equilibri interni del Pd in vista delle elezioni regionali sono intollerabili e per questo è ancora più urgente costruire un’alternativa chiara e netta contro questo sistema di potere.

Monica Sgherri, Consigliere Regionale PRC
Ciccio Auletta, consigliere comunale una città in comune-prc Pisa
Marco Ricci, consigliere comunale una città in comune-prc Pisa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soldi della vendita azioni Sat da parte della Regione, Prc: "Deriva autoritaria"

PisaToday è in caricamento