Politica

Tares, Una città in comune: "Una tassa ingiusta che disincentiva la raccolta differenziata"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

In questi giorni la SEPI sta inviando ai cittadini pisani i bollettini per il pagamento della TARES, che sostituisce la vecchia TARSU.

Oggi tutte le forze politiche a livello comunale si stracciano le vesti contro questa “stangata”, pur essendo le stesse forze politiche che a livello nazionale, in Parlamento, un anno e mezzo fa hanno dato via libera senza opposizione all’introduzione di quello che è un vero e proprio iniquo balzello.

Si tratta di una tassa ingiusta. In primo luogo la TARES sta determinando un aumento spropositato della contribuizione a carico dei cittadini in forme non calcolate in base al reddito e senza elementi di mitigazione come meccanismi premiali legati alla quantità di rifiuti che si producono.

La filosofia della TARES infatti non è minimamente legata al principio per cui chi più produce rifiuti più paga, quindi questa tassa ha come riflesso indiretto un allontanamento dall’orizzonte della tariffazione puntuale. Il rischio è quello di disincentivare la raccolta differenziata con un conseguente aumento dei costi di smaltimento, visto che con questo sistema abolisce ogni connessione tra costi del servizio e produzione dei rifiuti.

A questo si aggiunge, infine, un meccanismo contorto nel pagamento della tassa, per cui non ci sono neppure certezze sui tempi in cui i comuni e i soggetti gestori percepiranno queste entrate. Anche in questo caso il rischio concreto è che in mancanza di tempi definiti nelle entrate i soggetti gestori si trovino nella condizione forzata di ricorrere a crediti che poi graveranno ulteriormente sulle bollette che i cittadini dovranno pagare.

La TARES, quindi, introduce di fatto dei meccanismi perversi, che potranno avere effetti moltiplicatori sui costi. Le responsabilità politiche di tutto ciò sono evidenti e i cittadini devono esserne consapevoli. Dove erano il PD e il PDL quando in Parlamento è stato approvato questo provvedimento che peserà fortemente sui cittadini già colpiti da una gravissima crisi economica?

Una città in comune
Rifondazione Comunista

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tares, Una città in comune: "Una tassa ingiusta che disincentiva la raccolta differenziata"

PisaToday è in caricamento