Teatro Verdi, riduzione investimenti e organico, il Pd: "Si faccia chiarezza"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Il Teatro Verdi è sempre stato centrale nell'offerta culturale della nostra città. In passato, persino nei momenti di difficoltà, mai l'amministrazione comunale ha pensato di diminuire il suo impegno, anzi semmai, proprio per contrastare la crisi, si aumentavano i contributi, nella consapevolezza che un teatro vive della qualità delle sue produzioni, oltre che della capacità del personale.

Ora invece sentiamo le parole della presidente del Teatro Verdi che ci lasciano a bocca aperta.

Dopo che per mesi la questione culturale è stata al centro dell'attenzione in tutta la nazione, anche tramite proteste degli operatori, ancora si pensa di gestire la ripresa del paese lasciando da parte la cultura, rievocando il ricordo di tristi affermazioni quali "con la cultura non si mangia".

La Presidente è ormai da troppo tempo sulle poltrone e forse ha dimenticato il valore che la cultura costituisce per una città come Pisa.

Ma non è la sola ad avere poca memoria in tal senso.

Anche l’attuale giunta sembra aver dimenticato questo valore, stanziando solamente 150mila euro per la ripresa dell’attività del Teatro: spiccioli, se considerato l’immenso lavoro di chi permette la realizzazioni degli spettacoli.

Il direttore artistico è stato costretto a lasciare dopo che gli è stato offerto un contratto di un solo anno, come se per allestire un cartellone di livello, non fosse necessaria una programmazione di lunga scadenza. In più sembra che siano a rischio anche i contributi per le associazioni, quelli che consentono a realtà anche piccole di rendere vivi i nostri quartieri con iniziative che favoriscono la crescita culturale e la socialità. Ma la vera cartina di tornasole della considerazione di questa giunta per il mondo della cultura è il modo con cui si tratta il personale. È un costo da abbattere. Si vuole precarizzare riducendo tutto a collaborazioni. Questo naturalmente non nell'ottica di una valorizzazione delle competenze, ma anzi come primo passo per disfarsi di un peso.

Il partito democratico pisano e il gruppo consiliare PD si uniscono alle preoccupazioni espresse dalla CGIL e chiedono con forza che questa politica miope sia rivista e si torni ad investire su quella che può costituire una vera ricchezza, anche economica, della nostra città.

Si faccia chiarezza su queste presunte intenzioni di riduzione dell'organico al Teatro Verdi e ci si metta ad un tavolo per una soluzione reale, nel rispetto dei lavoratori.

Ranieri Del Torto
Segretario Unione Comunale PD Pisa

Matteo Trapani
Capogruppo Gruppo Consiliare PD

Comune di Pisa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento