Politica

Tensioni in Consiglio Comunale: "Dalle opposizioni un inutile teatrino"

Ad intervenire sono i capigruppo delle forze di maggioranza: "Sinistra e cinque stelle non rispettano la volontà espressa dalla maggioranza dei cittadini pisani con il voto"

Non si placa la polemica dopo le tensioni che si sono verificate nel corso dell'ultimo consiglio comunale di martedì 30 aprile. Tutto è scaturito da una mozione urgente presentata dalla Lega in cui si chiedeva all'amministrazione di ribadire il proprio 'No' nei confronti della manifestazione Canapisa. Una mozione che il presidente del Consiglio, Gennai, ha autorizzato a discutere dopo che erano però passate le 19.30, orario in cui era stata stabilita la chiusura della seduta. Da qui le proteste delle opposizioni ed in particolare del consigliere di Diritti in Comune, Ciccio Auletta, che ha parlato di "una serie di abusi senza precedenti". Proteste che hanno spinto lo stesso presidente Gennai a chiedere l'intervento della Polizia Municipale con al seduta che è infine stata sospesa.

Tensioni in Consiglio Comunale: "La Lega ha occupato illegalmente l'aula"

Questa volta a prendere parola sulla vicenda sono i capigruppo delle forze che compongono la maggioranza. "Non siamo rimasti sorpresi  - affermano Alessandro Bargagna (Lega), Maurizio Nerini (Fdi-Nap) Riccardo Buscemi (Forza Italia) e Gino Mannocci (Pisa nel Cuore) -osservando l'inutile teatrino messo in scena dalle opposizioni durante la chiusura dell’ultimo consiglio comunale. Hanno dato ancora una volta dimostrazione di quanto per la sinistra e i cinque stelle valga poco la volontà espressa dai cittadini pisani con il voto alle ultime amministrative".

"La contrarietà della maggioranza a questa manifestazione - proseguono - non è mai stata un segreto e ci batteremo fino all'ultimo momento affinché quest’anno non si ripeta un corteo indecoroso che da troppi anni ha messo sotto scacco i quartieri cittadini. Un evento che non porta né buon commercio né promozione turistica, ma al contrario crea un degrado vergognoso che i pisani non vogliono più vedere. Pisa ha già dato per diciotto lunghi anni: invitiamo i sindaci dei comuni 'a guida rossa' a dimostrare nei fatti e in concreto la loro apertura, accogliendo e ospitando già da quest’anno la manifestazione nei loro comuni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tensioni in Consiglio Comunale: "Dalle opposizioni un inutile teatrino"

PisaToday è in caricamento