Sabato, 16 Ottobre 2021
Politica

Toscana Aeroporti, Sinistra Italiana: "Piena solidarietà ai lavoratori in lotta contro le esternalizzazioni. Aeroporto a Pisa partita eternamente in sospeso"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Esternalizzare il lavoro vuol dire cedere chi lavora ad una ditta esterna, indebolire i diritti e pagare meno i lavoratori, riducendo anche la sicurezza dei controlli. Malgrado i profitti in crescita, Toscana Aeroporti non demorde e i lavoratori rispondono giustamente con uno sciopero compatto, così che nella giornata dell'8 maggio sono stati cancellati 82 voli, di cui 49 solo a Pisa. Ma da notizie di stampa sembra che la società diretta dal renziano Carrai ammetta di prendere contributi anche sulle corse dei bus da Firenze, sui parcheggi, sui negozi. E se non bastasse, per sostenere le sue pretese, Toscana Aeroporti compra paginate sui giornali, magari sperando di spianare la strada ad una destra notoriamente ancora più supina ai poteri forti.
La Amministrazione Filippeschi chiude il suo mandato, dopo avere venduto le sue quote a Toscana Aeroporti ed aver dato sponda alla privatizzazione, senza garanzie per i lavoratori e forse anche per il futuro del Galilei, dovesse andare in porto la nuova pista a Peretola.

Tutta la questione aetoporto a Pisa rimane quindi una partita in sospeso, senza soluzioni che garantiscano i lavoratori e la città, con le guerricciole di nessuna portata e senza visioni di insieme, con questioni ancora da risolvere (PisaMover e parcheggio), senza soluzioni che garantiscano un sistema integrato di mobilità aerea e terrestre, urbana ed extraurbana, ma solo la subalternità di fatto allo strapotere della gestione privata, che ora, con arroganza, per bocca del renziano Carrai, C.E.O. di Toscana Aeroporti, quasi si lamenta che non arrivino contributi dal Comune: "Siccome non mi risulta che Filippeschi dia contributi, da qualche parte dobbiamo trovarli". Nel rozzo linguaggio di chi è abituato a prendere e pretendere come fosse un diritto, si dice da "Filippeschi", ma in realtà si intende dal Comune, cioè direttamente dalle tasche dei cittadini. Questa è la privatizzazione.

La soluzione globale dei problemi dei lavoratori e dell'Aeroporto ha bisogno di Amministrazioni, come quelle per le quali ci battiamo, che difendano lavoratori e cittadini, nella logica del primato dei Beni comuni, da "proteggere dall’assalto del mercato e del profitto", come sottolinea SI-Toscana a Sinistra, il gruppo consiliare alla Regione Toscana, annunciando una nuova legge regionale.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toscana Aeroporti, Sinistra Italiana: "Piena solidarietà ai lavoratori in lotta contro le esternalizzazioni. Aeroporto a Pisa partita eternamente in sospeso"

PisaToday è in caricamento