rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Politica

Una città in comune-Prc sul Bilancio 2014

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Questo bilancio non ci piace: nella forma e nel contenuto.
Lo critichiamo aspramente per i tempi strettissimi in cui ci è stato presentato, poiché è basato su previsioni assolutamente fasulle (non si conoscono ancora le future tasse locali) e perché la Giunta comunale ha dichiarato, ancor prima della sua approvazione, la necessità di dover apportare importanti variazioni già a febbraio.
Lo critichiamo anche nel merito, nelle scelte fatte in termini di priorità e di allocazione delle risorse.
I margini di manovra sono pochi e si presenta una situazione apparentemente immodificabile, stretta tra necessità economiche e decisioni politiche già prese in altre sedi.
Abbiamo comunque deciso di provarci lo stesso e a tal fine abbiamo preparato una serie di emendamenti, 13 in tutto, che propongono di spostare risorse (se pur in alcuni casi solo teoriche) da alcune voci a nostro avviso non prioritarie, ad altre che vadano incontro alle vere emergenze della città.

Proponiamo di spostare 444 mila euro da opere varie (un nuovo magazzino, un arredo urbano e la videosorveglianza) al recupero degli alloggi pubblici liberi da ristrutturare. Un milione di euro dalla riqualificazione del viale del tirreno al verde urbano in tutta la città, due milioni e settecentomila euro, da nuove strade e parcheggi, a piste ciclabili, marciapiedi ed eliminazione delle barriere architettoniche. La nostra proposta intende quindi dare priorità alla mobilità “gentile” rispetto a quella automobilistica.
Proponiamo inoltre di cominciare a finanziare da subito, e non dal 2016, la riqualificazione del cavalcavia ferroviario di S.Ermete con un primo importo di 300.000 euro, poiché crediamo che questo intervento sia una vera priorità del quartiere insieme alla questione abitativa.
Infine, eliminando gli stanziamenti per il sottopasso di via Gramsci, il rifacimento di Piazza San Silvestro e la recinzione del Teatro presso l’ex Ospedale Americano a Calambrone, si riuscirebbe a togliere il complesso della Mattonaia dal piano delle alienazioni.
Casa, verde urbano, mobilità gentile per tutti e tutte, beni comuni: questi sono i temi che caratterizzano la nostra azione.

Sappiamo che questi interventi, anche se approvati, non produrrebbero un cambiamento epocale, ma siamo convinti che rappresentino piccoli tentativi di cambiamento per la vita concreta di molti abitanti della nostra città, e questo ci spinge ad andare avanti.
Il passo successivo sarà la preparazione degli Ordini del giorno da presentare in Consiglio Comunale, per chiarire il senso di alcuni emendamenti e per cercare di orientare l’operato della Giunta, che sempre meno si vuole confrontare con le assemblee elettive.
Di tutto questo parleremo lunedì 16 dicembre alle ore 21 al Circolo Arci “Pace e lavoro” di Porta a Mare.
Abbiamo bisogno dei vostri consigli e suggerimenti.


Marco Ricci e Ciccio Auletta
(una città in comune - PRC)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una città in comune-Prc sul Bilancio 2014

PisaToday è in caricamento