Politica Pontedera

Unione Valdera: escono Chianni, Lajatico, Terricciola e Peccioli

Una lettera riunita dei sindaci sancisce la fine dell'esperienza per i 4 Comuni. Sarà costituita una nuova Unione

Dopo il dibattito e le polemiche, la decisione è stata presa. I sindaci di Chianni, Lajatico, Terricciola e Peccioli comunicano ufficialmente a mezzo di lettera l'uscita dei 4 Comuni dall'Unione della Valdera.

"Ormai - scrivono - siamo convinti che l'unica strada per rilanciare seriamente una politica che veda una Valdera unita su temi strategici e che al tempo stesso sia in grado di erogare servizi ai cittadini, sia quella di recuperare maggiore prossimità ristabilendo in capo ai sindaci un controllo più diretto efficiente e partecipato. Crediamo che il maggiore punto di aggregazione oggi possibile sia quello di muoversi su due piani diversi ma convergenti; pensiero scaturito e condiviso anche da altri sindaci".

L'azione resta comunque comune: "Su un piano va messo uno strumento di coordinamento impegnativo per i 12 Comuni, nel quale venga racchiusa una visione strategica della intera Valdera; sull'altro piano deve essere disciplinato il rapporto tra le due Unioni che operano autonomamente nella erogazione di servizi puntando su di un maggior controllo e una maggiore prossimità. Questo modo di procedere dovrebbe ridurre la complessità e le incomprensioni, presenti fin dalla sua nascita, della attuale Unione. Complessità e incomprensioni che sicuramente hanno fatto da freno e minato irrimediabilmente la carica positiva che invece l’Unione Valdera avrebbe dovuto avere".

I 4 Comuni sono i primi, non è detto che sia finita qua: "Noi quindi siamo convinti, a questo punto, di uscire da questa Unione con la piena e totale disponibilità a discutere con quei Comuni che per ragioni storiche territoriali od altre considerazioni ritengono di condividere la nostra scelta. Vi chiediamo quindi di andare in questa direzione con la celerità e la tempestività che ormai il tema merita. Se, come crediamo e siamo convinti, questa strada è condivisa noi fin da ora possiamo cercare di mettere a punto le basi di un accordo di programma, o come lo vorremmo chiamare, che permetta di mantenere coesa questa zona su grandi temi progettuali e di scenario mantenendo una flessibilità più rispondente agli attuali bisogni e a livello del dibattito attuale".

Sarà costituita una nuova associazione: "Pertanto con la presente siamo a comunicare l'intenzione dei comuni di Chianni, Lajatico, Peccioli e Terricciola di esercitare il diritto di recesso dall'Unione dei Comuni della Valdera per costituire una nuova Unione nella quale esercitare in modo associato le proprie funzioni fondamentali. Dal momento che la volontà di recedere è motivata dalla costituzione di una nuova Unione, come prevede l’art. 13, comma 3 dello Statuto, chiediamo di concordare la data in cui il recesso avrà efficacia e la nuova Unione potrà costituirsi, senza soluzione di continuità".

Il richiamo successivo tratta della continuità dei servizi e della ricognizione delle risorse: "Riteniamo ai fini della funzionalità dei servizi erogati ai cittadini che sia opportuno procedere in tempi brevi e proponiamo come prima data utile al perfezionamento del recesso 30 giorni dopo la deliberazione di Consiglio Comunale. Nei prossimi giorni convocheremo i Consigli Comunali e chiediamo quindi di dare mandato al Direttore per predisporre il piano di ricognizione dei reciproci debiti e crediti che verrà sottoscritto nelle more della conclusione del procedimento di recesso di ogni singolo ente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unione Valdera: escono Chianni, Lajatico, Terricciola e Peccioli

PisaToday è in caricamento