Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Unioni civili a Cascina, la vicepresidente del Senato: "Le celebrerò io"

Dopo il no del primo cittadino Ceccardi alla celebrazione delle unioni civili tra coppie omosessuali, interviene Valeria Fedeli che si dichiara pronta a farsi dare la delega dal sindaco Ceccardi

Un caso che continua a far parlare di se'. La decisione della sindaca di Cascina Susanna Ceccardi di non celebrare le unioni civili omosessuali nel proprio Comune smuove la vicepresidente del Senato Valeria Fedeli che, proprio in visita a Pisa, ha commentato questa decisione dichiarandosi disponibile a celebrare lei stessa le unioni civili a Cascina.

"Sono pronta a andare a Cascina a celebrare le unioni civili. Chiederò la delega alla sindaca Ceccardi - afferma la vicepresidene Fedeli - a Cascina una coppia omosessuale non può accedere al registro delle unioni civili previsto dalla legge approvata lo scorso maggio. La sindaca leghista di Cascina Susanna Ceccardi, infatti, ha deciso di non celebrarli. Si tratta di una decisione illegittima, essendo le unioni civili regolate da una legge nazionale e, come ha ricordato anche il Consiglio di Stato lo scorso luglio, non esiste la possibilità di obiezione di coscienza. Chi ricopre ruoli elettivi e di governo non può non rispettare le leggi, ma anzi ha la responsabilità di garantire l'esercizio pieno dei diritti che la legge riconosce a tutte le cittadine e tutti i cittadini. Se ci saranno coppie di Cascina che chiederanno di poter vedere riconosciuta la propria unione chiederò allora la delega e andrò io stessa a celebrarla, per garantire che ad ogni persona e ad ogni coppia venga riconosciuto il diritto ad amarsi e a vedere il proprio amore riconosciuto dallo Stato".

L'indignazione verso la decisione del sindaco Ceccardi arriva anche dall'Associazione Nazionale ANDDOS contro le Discriminazioni da Orientamento Sessuale che conta oltre 190.000 associati. “Era il 30 giugno scorso, in occasione dell'evento Il Basket contro le Discriminazioni a Latina, quando ebbi l'occasione di conoscere personalmente la vicepresidente del Senato, la senatrice Valeria Fedeli - sottolinea il presidente Marco Canale - donna dal sorriso generoso e sincero, ne ebbi un impressione più che positiva mi sentii come non mai un cittadino rispettato dalle istituzioni di un'Italia che nonostante tutto amo profondamente. Oggi con rammarico profondo leggo che la sindaca di Cascina si rifiuta di celebrare le unioni civili: non voglio commentare una decisione che è da sola incommentabile visto che una rappresentante delle istituzioni non può disconoscere e non rispettare le leggi dello Stato, si tolga la fascia tricolore per coerenza e si dimetta dall'incarico, sposto invece la mia attenzione sulla dichiarazione della vicepresidente Fedeli che, dall'alto dell'istituzione che rappresenta, non esita neppure un attimo a farsi carico di celebrare personalmente questa unione. Un ringraziamento a nome dei nostri 192.636 iscritti: lei ci fa sentire onorati e felici di essere italiani, ci rende giustizia di quello che siamo e ci sprona a continuare a combattere ogni giorno tutti i pregiudizi e le discriminazioni che ancora imperano nella società. Le sue parole ci fanno sentire cittadini orgogliosi di questa Italia”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unioni civili a Cascina, la vicepresidente del Senato: "Le celebrerò io"

PisaToday è in caricamento