Urbanistica, Diritti in Comune: "L'area della moschea non è funzionale alla variante stadio: lo certificano gli stessi uffici comunali"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

L'area della moschea non serve in alcun modo per la realizzazione del progetto di riqualificazione della Arena Garibaldi a Porta a Lucca. A certificarlo ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, sono gli stessi uffici comunali che nelle controdeduzioni alle osservazioni presentate dalla Associazione di cultura islamica scrivono, nero su bianco, che "la rete complessiva dei parcheggi è numericamente sufficiente per garantire il numero di posti auto necessari" senza quelle superfici.
Avevamo già smascherato da tempo la natura discriminatoria, anti-islamica, della scelta della Giunta Conti quando in sede di adozione della variante stadio avevamo presentato un emendamento per stralciare quest’area, e l’emendamento avuto il parere favorevole degli uffici. Oggi tutto ciò viene, ancora una volta, confermato.
Aver inserito all'interno della variante stadio la cancellazione della moschea, con l’alibi del bisogno di nuovi parcheggi, è l'escamotage con cui la Lega sta cercando di far ingoiare alla città una decisione che viola la nostra Costituzione. Non avendo altri argomenti, provano a confondere le acque e ingannano i cittadini e le cittadine. Questo è anche confermato dal fatto che prima le due varianti - quella che cancellava la moschea e quella che avviava la riqualificazione dello stadio - erano separate e solo dopo 10 mesi quella relativa alla moschea è stata inserita all'interno di quella dell'Arena Garibaldi. Da sola l’operazione anti-moschea sarebbe stata ancora più ingiustificabile e indigeribile per la maggioranza.
Ma i fatti hanno la testa dura, ed è bene che la città lo sappia: cercare di inserire l'area dove dovrebbe sorgere un luogo di culto all'interno di questa variante è solo un modo per mettere a rischio il progetto di riqualificazione, ritardandone anche i tempi di realizzazione. E' di questi giorni la notizia che solo a maggio il Tar si esprimerà sul ricorso presentato dalla Associazione di cultura islamica. Nel caso in cui il Tar, rispettando e garantendo il principio costituzionale della liberà di culto, desse torto al Comune la variante andrebbe nuovamente modificata.
Per queste ragioni abbiamo presentato un’osservazione specifica, per chiedere che l'area destinata alla moschea venga stralciata dalla variante, per consentire un confronto vero e serio su un progetto così importante per la città come è quello dello stadio. Lunedì in Commissione urbanistica, in occasione della discussione dell'osservazione presentata dalla Associazione di cultura islamica, ribadiremo questa posizione.
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento