Politica San Giusto

Variante urbanistica San Giusto, il Circolo PD: "Riqualifica e restituisce qualità urbana ai quartieri"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Giovedì 17 settembre il Consiglio Comunale si appresta ad approvare la variante urbanistica che riguarda la riqualificazione della zona delle case popolari di San Giusto e il recupero delle aree ferroviarie dismesse presenti nel quartiere. Un progetto di previsione urbanistica a cui teniamo molto, in quanto si pone l´obiettivo di riqualificare (attraverso demolizione e ricostruzione) gli attuali fabbricati delle case popolari di San Giusto, nate, come Sant´Ermete, nell´emergenza casa post-bellica. La variante considera da un punto di vista di pianificazione urbanistica in forma unitaria anche le aree dismesse di proprietà di Ferrovie, oggi nascoste al quartiere da cancelli e muri e luoghi di degrado urbano e sociale. La previsione si inserisce con coerenza all´interno di un percorso di riqualificazione del fronte nord del quartiere, interessato oggi dai lavori di riqualificazione del binario 14 dove verrà realizzata la fermata del People Mover e a seguito dell´intervento privato di recupero dell´ex-convento dei Cappuccini. Allo scopo di rispondere a due obiettivi: alleviare i problemi legati alla mobilità interna, prevedendo una strada di collegamento tra i quartieri San Marco e San Giusto sotto la passerella (viabilità alternativa a Piazza Giusti) e dotare il quartiere di maggiori standard quali verde pubblico e parcheggi pertinenziali, con previsione di riqualificazione anche del parcheggio del supermercato di quartiere in San Marco, necessità molto sentite nella zona, a cui è possibile dare risposta solo con il concorso del privato proprietario delle aree.

Alla modifica di destinazione d´uso a residenziale delle volumetrie di Ferrovie presenti sui quartieri, corrisponderà la cessione di circa 15mila mq di superficie che diventeranno pubblici! Ci sembra un punto di equilibrio giusto tra interesse pubblico ed interesse privato, in un´area comunque urbanizzata. Per queste ragioni, considerando i benefici complessivi per il quartiere, facciamo appello a tutte le forze politiche, di sinistra in particolare, a votare a favore di questa variante. Poco hanno convinto le motivazioni con cui le forze di sinistra di minoranza, nella seduta di Consiglio Comunale di adozione della variante stessa del marzo scorso, hanno motivato la loro astensione. Se è vero che la variante puntava anche ad intercettare un possibile finanziamento relativo ad interventi di edilizia residenziale pubblica (nulla di male!), è altrettanto vero che la visione di città e di quartiere in essa rappresentata non nasce e muore intorno ad un bando e trova coerenza con gli atti urbanistici che hanno interessato il quartiere negli ultimi anni e con gli indirizzi della variante di Piano Strutturale della cosiddetta "Cittadella Aeroportuale" che prevedono la destinazione a parco dell´area a nord del quartiere compresa tra stazione e aeroporto.

Riqualificare e restituire qualità urbana ai quartieri San Marco San Giusto che più di tanti hanno dato al servizio delle infrastrutture cittadine e non solo, resta l´obiettivo principale e l´indirizzo a cui ci conformiamo. I contenuti di questa variante, primo passo per poter dare seguito a qualsiasi intervento, vanno in questa direzione.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante urbanistica San Giusto, il Circolo PD: "Riqualifica e restituisce qualità urbana ai quartieri"

PisaToday è in caricamento