Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

Vittoria di Aung San Suu Kyi in Birmania, il sindaco: "Pisa continuerà a sostenerla"

Aung San Suu Kyi ha un legame particolare con la città della Torre che nel 2007 ha concesso la cittadinanza onoraria al Premio Nobel per la pace. Tante le iniziative organizzate negli anni

A Pisa è "grande la soddisfazione" per la vittoria di Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace, alle elezioni in Birmania. Quando la leader birmana era ancora agli arresti domiciliari, il Comune l'ha insignita della cittadinanza onoraria. "Abbiamo poi organizzato varie iniziative per la libertà e la democrazia in Birmania - commenta il sindaco Marco Filippeschi - ora quel percorso è avviato, anche se ancora molto rimane da fare. Pisa continuerà a sostenerla nel cammino verso una compiuta e piena democrazia nel suo bellissimo paese".

Pisa e Birmania, cronistoria in breve
10 novembre 2007 - Il Comune concede la cittadinanza onoraria ad Aung San Suu Kyi con cerimonia davanti alla sede del Comune, alla presenza dei monaci di Pomaia.

17 dicembre 2007 - Al Cinema Arsenale, in una sala piena, si è svolta l'iniziativa 'Quanto è lontana la Birmania', con la visione del film 'L’arpa birmana' al cinema Arsenale, preceduta da un intervento dell’allora sindaco Paolo Fontanelli e seguita dal dibattito tra Raffaello Longo, monaco buddista dell’istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia, Angelo Mangino, segretario generale FIM-CISL di Pisa, Anna Violante, rappresentante di Amnesty International.

23 Dicembre 2007 - Incontro dell’allora sindaco di Pisa Paolo Fontanelli con il rappresentante del governo birmano in esilio, Dr. Beaudee Zawmin.

1 Gennaio 2008 - Capodanno per la Birmania alla Torre di Pisa, ostensione di uno striscione raffigurante la leader dell’opposizione democratica birmana Aung San Suu Kii, alla presenza dell’allora sindaco di Pisa Paolo Fontanelli, del rappresentante dei monaci di Pomaia Raffaello Longo, del presidente dell’Opera Primaziale Pierfrancesco Pacini e dell’allora Arcivescovo di Pisa Alessandro Plotti.

3 giugno 2008 - Presentazione del libro di Carmen Lasorella 'Verde e Zafferano. A voce alta per la Birmania' che consiste in un intervista non autorizzata ad Aung San Suu Kyi. Con la presenza dell’autrice l’incontro si è svolto nel giugno 2008 nell’Aula Magna dell’Università di Pisa, con gli interventi del sindaco Marco Filippeschi oltre che del rettore Marco Pasquali, dell’on. Paolo Fontanelli, dell’avv. Ezio Menzione e di Raffaello Longo, monaco buddista della comunità di Pomaia.

21 aprile 2010 - alle 20.30 al Cinema Arsenale proiezione di 'Burma VJ', nominato all’Oscar 2010 nella categoria 'Miglior documentario'. Proiezione introdotta dal sindaco Marco Filippeschi: 'Pisa per la libertà e la democrazia in Birmania'.

31 ottobre 2013 – Visita di Aung San Suu Kyi in Italia, una delegazione pisana la incontra e le consegna la lettera del sindaco Filippeschi che la invita nella città di Pisa per discutere con i giovani e gli studenti su 'Libertà e Democrazia' e ritirare la cittadinanza onoraria che le è stata conferita nel 2007.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittoria di Aung San Suu Kyi in Birmania, il sindaco: "Pisa continuerà a sostenerla"

PisaToday è in caricamento