rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Politica Centro Storico

Ztl, il consigliere Biondi (Pd): "Necessari maggiori controlli"

Auto che entrano contromano per eludere le telecamere e troppi permessi rilasciati le criticità rilevate dall'esponente dem

"Nonostante le promesse di questa amministrazione nella parte di mezzogiorno, ovvero nei quartieri di San Martino e di Sant’Antonio non si vedono ancora le telecamere in uscita dalla ZTL per effettuare un controllo serio ed efficace degli accessi. Nella parte di Tramontana sono state installate nel 2021 alcune telecamere, però ancora insufficienti per un controllo generale. A seguito di questa sporadica installazione doveva essere giunta la volta della parte di mezzogiorno ma a distanza di anni le promesse si sono eclissate e le telecamere da installare sono rimaste una promessa". Ad intervenire sulla situazione delle telecamere della Zona Traffico Limitato è il consigliere comunale del Partito Democratico Marco Biondi.

"Ci sono dei punti e dei luoghi emblema del disagio che vivono i residenti, ad esempio ogni giorno da Piazza San Sepolcro entrano indisturbati in contromano auto private e mezzi da lavoro per eludere le telecamere in entrata dalla ZTL - sottolinea - l’altra mattina mentre aspettavo un amico in soli 15 minuti ho visto 3 vetture entrare controsenso, 1 auto ogni 5 minuti. Mi chiedo se è giusto che i cittadini paghino la ZTL quando non vi è un corretto controllo degli accessi e della sosta abusiva, creando disagi al parcheggio di chi ne ha diritto. Si rimarca ancora una volta che i dati sui permessi rilasciati per la ZTL sono allucinanti, dopo varie interrogazioni che ho fatto mi è stato risposto che, a fronte di 2000 posti auto regolari in ZTL, ci sono circa 5000 permessi rilasciati a residenti e almeno il doppio le autorizzazioni rilasciate per tutte le attività".

"Credo che una vera stretta sui permessi rilasciati facilmente vada data e sicuramente vanno ricavati nuovi parcheggi per i residenti, non certo per aumentare le auto in centro o gli spazi impermeabili ma piuttosto per toglierle da luoghi storici da riqualificare come piazza San Martino, S. Sisto, piazza San Sepolcro - prosegue Biondi - trovare una soluzione allo sosta permette anche di diminuire l’inquinamento dei mezzi su gomma, spesso i residenti sono costretti a vari giri attorno ai quartieri prima di trovare un parcheggio. Credo sia giunto il momento di maggiori controlli e regolamentare in modo stringenti i posto auto nella ZTL".

"Il primo passo deve essere quello di installare finalmente le telecamere in uscita in tutti i quartieri, nessuno escluso, e di una revisione dei permessi rilasciati, verificando quelli che ne hanno veramente diritto, e infine di lavorare a trovare dei nuovi posti auto solo per residenti, pensando anche ad edifici abbandonati, da destinare in parte a parcheggio, senza nessun pregio architettonico, come ad esempio in via Bovio, con il fine ultimo di togliere le auto dagli spazi pubblici con vocazione sociale, come le piazze e riconsegnarle all’uso dei cittadini. Se si vuole far tornare i cittadini ad abitare il centro storico bisogna anche tutelarli, su questo mi batterò sempre" conclude il consigliere comunale Marco Biondi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ztl, il consigliere Biondi (Pd): "Necessari maggiori controlli"

PisaToday è in caricamento