social

Quali sono le città del Carnevale in Toscana? Una guida pratica alle possibili mete

Viareggio, 'la perla della Versilia', è storicamente la città del Carnevale. Nella nostra regione esistono però anche altri luoghi nei quali festeggiare i giorni più pazzi dell'anno

Il Carnevale, si sa, è la festa che mette d'accordo grandi e piccini. Per qualche ora ci si può dimenticare dei ruoli ricoperti al lavoro, delle preoccupazioni della vita privata e, travestendosi o indossando una semplice maschera, trasformarsi in qualcos'altro. Partendo da Pisa e dintorni, chiunque, almeno una volta, ha trascorso una giornata del periodo più pazzo dell'anno nella città di Viareggio, che è famosa in tutta Italia come una delle località per eccellenza del Carnevale. Ma la nostra regione offre anche altre destinazioni decisamente ben organizzate e pronte ad accogliere appassionati e semplici curiosi: vediamo insieme quali sono.

1. 'La perla della Versilia'

L'appellativo con cui Viareggio è conosciuta in Italia e all'estero racconta da solo quanto questa città fosse una destinazione ambita per i villeggianti di tutti i tipi fin dal 19° secolo. La prima sfilata di carrozze addobbate a festa nella storica via Regia, nel cuore della città vecchia, è datata 1873. L'idea di una sfilata per festeggiare il Carnevale sbocciò tra i giovani benestanti di Viareggio che frequentavano il caffè del Casinò. Era il 24 febbraio 1873 e si pensò ad una sfilata per il giorno successivo, martedì grasso. Da quel primo nucleo si è sviluppato il Carnevale di Viareggio così come oggi è conosciuto. Sul finire del secolo comparvero in sfilata i carri trionfali: monumenti costruiti in legno, scagliola e juta, modellati da scultori locali ed allestiti da carpentieri e fabbri che in darsena lavoravano nei cantieri navali. All'inizio del 20° secolo la sfilata passò da via Regia alla Passeggiata, potendo così beneficiare di un panorama unico. Ma la vera rivoluzione fu nel 1925. Per iniziativa di Antonio D'Arliano e di alcuni costruttori venne inventata, per realizzare i carri, la tecnica della carta a calco, da tutti conosciuta come cartapesta. Questo materiale, estremamente leggero, quanto povero, ha consentito costruzioni colossali e sempre più ardite nella scenografia e nella movimentazione. Nel 1930 Uberto Bonetti, pittore e grafico futurista, ideò 'Burlamacco': la maschera simbolo di Viareggio, che, nel manifesto del 1931, sullo sfondo dei moli protesi sul mare, apparve in compagnia di 'Ondina', bagnante simbolo della stagione estiva. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quali sono le città del Carnevale in Toscana? Una guida pratica alle possibili mete

PisaToday è in caricamento