rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
social

Corrente di risacca: cos'è, come riconoscerla e cosa fare in caso di pericolo

Tale corrente può mettere a repentaglio la vita di adulti e bambini: ecco tutto ciò che c'è da sapere

In estate, in particolar modo con il caldo intenso di queste settimane, un bel bagno rinfrescante in mare rappresenta uno dei momenti più belli della giornata, consentendoci di trovare un po' di refrigerio dall'afa. Tuttavia, soprattutto nel caso in cui con noi ci siano dei bambini, bisogna prestare attenzione alla corrente di risacca, chiamata anche corrente di reflusso o di ritorno. 

Cos'è la corrente di risacca

La corrente di risacca è un tipo di corrente marina molto pericolosa. L'accumulo d'acqua lungo la costa provoca un aumento di pressione, che deve essere compensato da un flusso di ritorno che si dirige dalla riva verso il largo ad elevata velocità, trascinando con sé tutto ciò che incontra.

Come si può riconoscere la corrente di risacca

Per riconoscere una corrente di risacca si deve osservare attentamente il mare. Se tra le onde si nota un tratto piatto, significa che proprio in quel punto c'è una corrente di risacca: l'acqua, lì, si muove in direzione contraria, trasportando chi vi si trovi al suo interno verso il mare.

Dove si forma la corrente di risacca

La corrente di risacca si forma in un canale vicino alla riva tra due banchi di sabbia dove l'acqua è più profonda. Se le onde hanno la cresta bianca, significa che il fondale in loro corrispondenza è alto, ma è nelle zone senza cresta che il fondale è ancor più profondo. Ed è proprio qui si vanno a formare le correnti di risacca.

Come agire se ci troviamo nella corrente di risacca

Se inavvertitamente dovessimo trovarci all'interno di una corrente di risacca, bisogna uscire il prima possibile nuotando lateralmente e non in direzione opposta alla corrente: ciò, infatti, si rivelerebbe un inutile spreco di energie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corrente di risacca: cos'è, come riconoscerla e cosa fare in caso di pericolo

PisaToday è in caricamento