social

Arte, Premio Vittorio Sgarbi: la pisana Nicole Pardini tra i finalisti

La giovane artista selezionata grazie all'opera a tecnica mista su carta dal titolo "Chimera"

C'è anche Nicole Pardini, pittrice di Cascina classe 1996, tra i finalisti della prima edizione del "Premio Vittorio Sgarbi", per il quale è previsto un montepremi di 27.000 euro. La giovane, laureata all'Accademia di Belle Arti di Firenze con il massimo dei voti, è stata selezionata grazie alla sua opera d'esordio a tecnica mista su carta dal titolo "Chimera", una riflessione a 360 gradi su questa figura mitologica con particolare attenzione al suo significato metaforico. Il Premio, voluto e organizzato da "Ea EffettoArte" sotto la direzione del noto critico d'arte Vittorio Sgarbi, ha lo scopo di sostenere e promuovere l'arte contemporanea, con la selezione per ciascuna sezione di interpreti contemporanei nazionali e stranieri.

L'autorevole critico Vittorio Sgarbi è stato incaricato di riconoscere quelle personalità che hanno fatto qualcosa anche totalmente fuori da qualunque circuito, da qualunque galleria, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alla videoarte, portando alla luce tutte le manifestazioni in cui si esprime il pensiero libero attraverso l'arte. Prossimamente è prevista l'uscita di sei cataloghi a cadenza mensile sui quali saranno pubblicate le opere degli artisti selezionati fino a questo momento, mentre tre delle opere di ciascuno saranno pubblicate in una vetrina online. Successivamente, a conclusione del Premio, si terrà una grande mostra a Ferrara a cura di Vittorio Sgarbi. 

"Chimera", il significato dell'opera di Nicole Pardini

La Chimera, nella mitologia orientale, è un mostro fantastico. Assorbito successivamente anche dalla mitologia greca e descritto da vari poeti in modo assai variopinto, la raffigurazione più comune vede la Chimera costituita da una coda di drago, una testa di leone, una di serpente e una di capra, le quali potevano emettere delle fiamme. Dall'opera "Chimera" di Pardini emerge la densa essenza della Chimera carica di energia e ambizione, le quali producono un'importante tensione verso un Altro. "Chimera", infine, è emblema di fantasie troppo spinte che vanno oltre le possibilità del reale. Forse una mera illusione, che si realizza solo in sogno. È una grande utopia, è motore ed energia dinamica, spinta creativa che mette in moto il mondo così come fa l'arte nella sua ricerca

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arte, Premio Vittorio Sgarbi: la pisana Nicole Pardini tra i finalisti

PisaToday è in caricamento