social

"Il cielo oltre gli occhi", la pisana Raffaella Gremigni conquista il premio internazionale di narrativa

Ginecologa di professione, la donna è stata premiata lo scorso 24 luglio in Puglia a Castel del Monte

È stata la pisana Raffaella Gremigni ad aggiudicarsi il Premio Internazionale De Arte Narrandi con il suo "Il cielo oltre gli occhi", racconto che ha per protagonista Emma, una bambina non vedente alla scoperta del cosmo, dei pianeti del sistema solare e dei loro suoni. Gremigni, di professione ginecologa, ha ottenuto l'importante riconoscimento lo scorso 24 luglio a Castel del Monte, in Puglia, durante la cerimonia di premiazione dei vincitori dell'VIII Premio Internazionale Federico II e i Poeti tra le stelle, concorso artistico-letterario organizzato dalla Società Astronomica Pugliese dedicata al cosmo e all'astronomia a cui hanno partecipato 109 autori con 183 opere complessive. A premiare i vincitori Franco Malerba, primo astronauta italiano nello spazio nella missione internazionale del 1992.

Gremigni: "Idea nata per caso, è stato un viaggio speciale"

"L'idea è nata per caso mentre camminavo - racconta Raffaella Gremigni -. Riflettevo sulle bellezze del cosmo, bellezze prettamente visive, e su come avrebbe potuto immaginarle una bambina non vedente. Su come avrebbe potuto apprezzare un cielo stellato o il fascino della luna attraverso altri sensi. Da lì è nato il viaggio di Emma all'interno di un planetario per non vedenti, che l'ha portata ad esplorare i corpi celesti, a vivere esperienze uniche e ad emozionarsi ascoltando i suoni emessi dai pianeti".

"Ho vissuto bellissimi momenti - aggiunge Raffaella -, di cui devo ringraziare di cuore gli organizzatori del Premio e tutta la giuria del concorso. Anche il mio è stato un viaggio speciale a contatto con bravissimi artisti, poeti, pittori, fotografi, con esperti del settore, dagli astrofisici ad illustri docenti e tutti gli astrofili".

Premio Internazionale Federico II e i Poeti tra le stelle, la cerimonia di premiazione

Raffaella Gremigni ha ricevuto il premio grazie alla concessione della Direzione Regionale Musei Puglia e della direzione di Castel del Monte. Il premio, inoltre, ha ricevuto il patrocinio dell'Agenzia Spaziale Europea, dell'Agenzia Spaziale Italiana, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica, della Sezione di Bari dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dell'Unione Astrofili Italiani, dei comuni di Conversano (ove ha sede la Società Astronomica Pugliese) e di Cassano delle Murge (ove ha sede l'Osservatorio Astronomico della Murgia-Solinio). Presenti alla cerimonia tutti i 27 giurati, esperti e non solo del settore, provenienti da tutta Italia, tra cui il prof. Andrea Ferrara, docente ordinario di Cosmologia alla Scuola Normale Superiore di Pisa, con Gianluca Masi, presidente della giuria e astrofisico del Virtual Telescope di Roma. La cerimonia è stata condotta da Maria Liuzzi, volto noto del giornalismo pugliese e del Tg Norba24. 

  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il cielo oltre gli occhi", la pisana Raffaella Gremigni conquista il premio internazionale di narrativa

PisaToday è in caricamento