13 dicembre, Santa Lucia: ma è davvero il giorno più corto che ci sia?

Cosa c'è dietro uno dei detti popolari più antichi e in voga, tra calendari, bolle papali, feste sostitutive e tradizioni per il giorno di Santa Lucia

"Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia", dice un vecchio adagio. Il 13 dicembre non è il giorno più corto dell'anno né tantomeno la notte più lunga dell'anno poiché questo avviene soltanto durante il solstizio d'inverno, che cade quest'anno il 21 dicembre: una settimana dopo il giorno di Santa Lucia. 

Ma allora perché c'è questo modo di dire? Tutta 'colpa' di una bolla papale e del fatto che le tradizioni e le credenze popolari sono dure a morire. 

Santa Lucia, due calendari e un solstizio

Fino al 4 ottobre 1582, il solstizio d'inverno cadeva tra il 12 e il 13 dicembre, quindi proprio nel giorno della festa di Santa Lucia. Fino a quella data era in uso il calendario giuliano, sostituito poi da uno nuovo, introdotto con la bolla Inter gravissimas promulgata da papa Gregorio XIII. Il calendario gregoriano è quello tuttora in vigore nella maggior parte del mondo occidentale. La sostituzione fu decisa perché questo nuovo calendario consentiva una scansione del tempo e dei giorni più precisa rispetto al precedente, con la suddivisione dell'anno in 12 mesi con durata che va dai 28 ai 31 giorni, con 365 giorni in totale (che diventano 366 nel caso degli anni bisestili). 

Con il calendario giuliano il solstizio d'inverno coincideva quindi spesso con la festa di Santa Lucia (il cui nome deriva dal latino 'lux', che significa luce) ed è probabile che al tempo la Chiesa incentivò questa associazione, mentre era in uso il calendario giuliano, così da sostituire le festività popolari e pagane in vigore legate al solstizio. 

Con il passaggio a quello gregoriano, la data del solstizio d'inverno è stata spostata in avanti ma il 13 dicembre è rimasto comunque legato alla ricorrenza religiosa della santa martirizzata durante le persecuzioni contro i cristiani di Diocleziano a Siracusa. 

Le tradizioni per il giorno di Santa Lucia

La festività di Santa Lucia è particolarmente sentita nelle regioni del nord-est italiane, soprattutto nelle provincie di Verona, Brescia e Bergamo. A lei i bambini sono soliti scrivere letterine affinché porti loro dei doni nella notte tra il 12 ed il 13 dicembre ed è tradizione lasciarle qualcosa da mangiare e da bere, come si fa tradizionalmente con la Befana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

Torna su
PisaToday è in caricamento