Sport

Piero Camilli vuole comprare le quote del Pisa e non venderle

Il comandante ribadisce quanto detto qualche settimana fa e conferma la ferma intenzione di acquistare tutto il pacchetto azionario della società e non venderlo a Battini. Intanto si complica il calciomercato

L'intenzione è quella di comprare il Pisa e non di venderlo. Questo è un concetto base per Piero Camilli che ha confermato le indiscrezioni uscite qualche giorno fa. In un'intervista uscita oggi sul quotidiano “Il Tirreno” il Comandante conferma questa intenzione, ribadendo che il rapporto si è rotto sulla questione cittadella e attaccando frontalmente l'avvocato Andrea Bottone reo di aprire spesso la bocca a sproposito. Non si è fatta attendere la replica di Bottone il quale ha detto che chiede e continuerà a farlo chiarezza ai soci. Intanto Vincenzo Minguzzi prova a portare avanti delle trattative specialmente per giovani promettenti, ma in questo momento diventa difficile chiuderle visto che la società al momento è impegnata in altre situazioni. I tifosi ovviamente sono quelli che subiscono maggiormente questa situazione e che sembrano intravedere all'orizzonte un'altra estate di passione.

La Curva Nord in serata ha emesso un comunicato che chiede chiarezza in tempi rapidi per ripartire al meglio nella prossima stagione: "Dopo un susseguirsi di notizie, comunicati e ultimatum siamo giunti a un punto in cui sembra che entrambi i soci vogliano comprare tutte le quote dell'A.C. Pisa e diventare gli unici proprietari della Società. Non entrando nel merito dei motivi che hanno generato questa situazione, ci preme ribadire che, qualsiasi sia la soluzione, i tempi devono essere veloci. Non possiamo rimanere in questa situazione di stallo. Troviamo velocemente una risoluzione e partiamo a costruire una squadra e un progetto degno di una piazza come Pisa.  Ai due "ex soci" chiediamo rapidità nell'uscire da questa condizione di stallo e chiarezza nei programmi. Ribadiamo anche che Pisa, per rinascere realmente e continuare a splendere, ha bisogno di un progetto ambizioso e di un futuro da protagonista. Ha bisogno di lottare per vincere e di entusiasmo. Entusiasmo che, leggi e tessere permettendo, porterebbe di nuovo l'Arena a gremirsi come qualche anno fa”.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piero Camilli vuole comprare le quote del Pisa e non venderle

PisaToday è in caricamento